domenica 04 dicembre | 07:22
pubblicato il 03/ott/2013 15:52

Lavoro: Cgil, oltre 4,3 mln di professionisti con pochi diritti e tutele

(ASCA) - Roma, 3 ott - Un esercito fatto di oltre 4,3 milioni di persone, con un reddito annuo medio pari a poco piu' di 9 mila euro. Sono i lavoratori cosiddetti 'professionisti', vittime per la gran parte di diseguaglianze, in termini di genere, e di ingiustizie, come la mancanza di ammortizzatori sociali. Cosi' in una nota la Cgil fornisce una fotografia delle professioni in Italia: un quadro di riferimento ''inedito e preoccupante'' che l'organizzazione guidata da Susanna Camusso vuole affrontare attraverso il 'Decalogo dei diritti', ovvero ''un complesso di proposte elaborate insieme a moltissime associazioni professionali'' e con ''la necessita' di garantire, anche attraverso la contrattazione collettiva, le tutele sociali a tutti i lavoratori indipendentemente dalle loro modalita' d'impiego''.

La Cgil, nell'elaborazione del decalogo dei diritti, ricostruisce nei numeri il fenomeno dei professionisti in Italia. Esclusi i parasubordinati e le imprese, i lavoratori che nel nostro paese svolgono attivita' autonome senza dipendenti sono 3.369.000. A questi lavoratori a partita Iva individuale vanno aggiunti 962.428 parasubordinati esclusivi (coloro che non hanno altre attivita' e non sono in pensione) e 21.101 lavoratori con redditi esclusivi da cessione di diritti d'autore. Per un totale di lavoratori autonomi, individuali e parasubordinati, secondo dati della Consulta Professioni della Cgil, pari a 4.352.529. Secondo i dati della Cgil il reddito netto annuo medio di un lavoratore con partita Iva e' di 9.041,28 euro, quello mensile e' di 753, 44. Infatti, la media dei compensi lordi dei lavoratori con partita Iva iscritti alla gestione separata Inps e' di 18.836 euro annui. Inoltre, ricorda il sindacato, un lavoratore con partita Iva che guadagna 1.000 euro lordi al mese, oggi ha un reddito netto disponibile di 545 euro e, se fosse confermato l'aumento delle aliquote Inps decise dai precedenti governi, il reddito si ridurrebbe a 485 euro mensili. Numeri che nascondono secondo il sindacato ''diseguaglianze e ingiustizie'' perpetrate nei confronti dei professionisti. com-drc/sam/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Energia
Elettricità, Cgia: per piccole imprese la più cara in Eurozona
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari