martedì 28 febbraio | 08:55
pubblicato il 03/ott/2013 15:52

Lavoro: Cgil, oltre 4,3 mln di professionisti con pochi diritti e tutele

(ASCA) - Roma, 3 ott - Un esercito fatto di oltre 4,3 milioni di persone, con un reddito annuo medio pari a poco piu' di 9 mila euro. Sono i lavoratori cosiddetti 'professionisti', vittime per la gran parte di diseguaglianze, in termini di genere, e di ingiustizie, come la mancanza di ammortizzatori sociali. Cosi' in una nota la Cgil fornisce una fotografia delle professioni in Italia: un quadro di riferimento ''inedito e preoccupante'' che l'organizzazione guidata da Susanna Camusso vuole affrontare attraverso il 'Decalogo dei diritti', ovvero ''un complesso di proposte elaborate insieme a moltissime associazioni professionali'' e con ''la necessita' di garantire, anche attraverso la contrattazione collettiva, le tutele sociali a tutti i lavoratori indipendentemente dalle loro modalita' d'impiego''.

La Cgil, nell'elaborazione del decalogo dei diritti, ricostruisce nei numeri il fenomeno dei professionisti in Italia. Esclusi i parasubordinati e le imprese, i lavoratori che nel nostro paese svolgono attivita' autonome senza dipendenti sono 3.369.000. A questi lavoratori a partita Iva individuale vanno aggiunti 962.428 parasubordinati esclusivi (coloro che non hanno altre attivita' e non sono in pensione) e 21.101 lavoratori con redditi esclusivi da cessione di diritti d'autore. Per un totale di lavoratori autonomi, individuali e parasubordinati, secondo dati della Consulta Professioni della Cgil, pari a 4.352.529. Secondo i dati della Cgil il reddito netto annuo medio di un lavoratore con partita Iva e' di 9.041,28 euro, quello mensile e' di 753, 44. Infatti, la media dei compensi lordi dei lavoratori con partita Iva iscritti alla gestione separata Inps e' di 18.836 euro annui. Inoltre, ricorda il sindacato, un lavoratore con partita Iva che guadagna 1.000 euro lordi al mese, oggi ha un reddito netto disponibile di 545 euro e, se fosse confermato l'aumento delle aliquote Inps decise dai precedenti governi, il reddito si ridurrebbe a 485 euro mensili. Numeri che nascondono secondo il sindacato ''diseguaglianze e ingiustizie'' perpetrate nei confronti dei professionisti. com-drc/sam/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Alitalia
Alitalia: liquidità al limite, tagli potrebbero salire a 400 mln
Generali
Intesa SanPaolo vola in borsa dopo no a Generali: mercato approva
Ue
Regioni: Lombardia la più competitiva in Italia, 143esima in Ue
Borsa
In bilico fusione Lse-Deutsche Borse, nodo mercato titoli Stato
Altre sezioni
Salute e Benessere
Malattie rare, Scaccabarozzi: 560 farmaci in sviluppo nel mondo
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Premio Ercole Olivario, in gara 174 etichette da 17 Regioni
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
E.ON:Per 6 italiani su 10 ideale per la casa è l'energia solare
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Fisica, Masterclass: 3000 studenti alla scoperta delle particelle
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech