martedì 24 gennaio | 04:26
pubblicato il 14/ago/2013 11:52

Lavoro: Cgia Mestre, nel 2001-2011 dalle pmi il 64,3% nuovi occupati

Lavoro: Cgia Mestre, nel 2001-2011 dalle pmi il 64,3% nuovi occupati

(ASCA) - Roma, 14 ago - Tra il 2001 e il 2011 le piccole imprese hanno creato piu' del doppio dei posti di lavoro ''prodotti'' dalle grandi aziende: se le prime hanno dato origine a quasi 457.200 nuovi occupati, le seconde ''solo'' poco piu' di 212.600. E' quanto rileva uno studio realizzato dalla Cgia di Mestre il quale mette in rilievo inoltre che molto contenuto il risultato ottenuto dalle medie aziende: nel decennio preso in esame gli addetti nelle imprese tra i 50 e i 249 addetti sono aumentati di 41.354 unita'. Dei 711.178 nuovi occupati totali registrati in questo decennio, il 64,3% ha trovato lavoro nelle piccole aziende con meno di 50 addetti, il 5,8% nelle medie ed il 29,9% nelle grandi.

''Per uscire dalla crisi abbiamo bisogno di aiutare tutto il mondo delle imprese - chiosa Giuseppe Bortolussi segretario della CGIA - anche se in questa fase e' alle piccole e micro realta' produttive che va rivolta una particolare attenzione. Quelle con meno di 50 addetti sono l'asse portante della nostra economia: costituiscono il 99,5% del totale delle aziende presenti nel nostro Paese e occupano oltre 11 milioni di addetti. Al netto degli addetti del pubblico impiego e dell'agricoltura, il 67% del totale dei lavoratori italiani presta servizio in una piccola o micro impresa. Stiamo parlando di aziende artigiane/commerciali, di piccole imprese e di attivita' guidate da liberi professionisti che non chiedono aiuti o prebende, ma una pressione fiscale e un peso della burocrazia in linea con la media europea e la possibilita' di accedere con maggiore facilita' al credito''.

A livello territoriale le regioni dove le piccole imprese si sono dimostrate piu' dinamiche sono state quelle del Centro-Sud: in termini percentuali le maggiori variazioni di crescita dell'occupazione si sono avute nel Lazio (+17,4%), in Calabria (+14,4%) ed in Sicilia (+14%). ''In questo momento cosi' delicato - conclude Bortolussi - sostenere le piccole imprese vuol dire aiutare il Paese ad uscire dalla crisi economica e, soprattutto, creare le condizioni per ridurre la disoccupazione, visto che le statistiche ci dicono che sono le piccole realta' produttive a creare il maggior numero di posti di lavoro anche nelle aree piu' svantaggiate del Paese''.

red/did/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pensioni
Pensioni, Boeri: manovra fa aumentare debito
Commercio
Ricerca Nielsen, 87% di chi naviga in internet fa shopping online
Cambi
Protezionismo Trump riporta il dollaro ai minimi da dicembre
Bce
Draghi: collaborazione Stati invece di "richiami a cupi passati"
Altre sezioni
Salute e Benessere
Digital Magics cede partecipazione in ProfumeriaWeb a Free Bird
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Tutti a Montefalco per l'Anteprima Sagrantino
Turismo
Alla scoperta di Piacenza con Sorgentedelvino Live
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Sugli sci trainati dal drone: arriva il droneboarding
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4