sabato 21 gennaio | 14:35
pubblicato il 12/mar/2014 14:28

Lavoro: Cgia, attivita' senza dipendenti fuori da vantaggi taglio cuneo

(ASCA) - Mestre, 12 mar 2014 - Alla luce delle indiscrezioni emerse nelle ultime ore sull'imminente provvedimento del Governo Renzi, pare di capire che tra i soggetti attivi del mondo del lavoro a non beneficiare di alcun vantaggio economico dalla riduzione del cuneo fiscale saranno solamente le partite Iva senza dipendenti. Lo scrive, in una nota, la Cgia di Mestre.

Infatti, sia con il taglio dell'Irpef, sia con la riduzione dell'Irap, le attivita' che non hanno dipendenti non godranno di alcun beneficio.

Si tratta, secondo la CGIA, di una platea molto vasta considerato che il 70 per cento circa dei lavoratori autonomi non ha dipendenti. Tra questi vi sono almeno 500.000 contribuenti la cui struttura e' talmente esigua da dubitare che debbano pagare l'imposta.

''Alla luce di cio' - esordisce Giuseppe Bortolussi segretario della CGIA - chiediamo di accelerare l'entrata in vigore di quel provvedimento inizialmente incluso nella Legge di Stabilita' del 2013 che prevedeva l'istituzione di un fondo finalizzato ad escludere dall'applicazione dell'Irap le imprese individuali e i liberi professionisti senza dipendenti e con una dotazione minima di beni strumentali. La soglia di questa dotazione doveva essere fissata con un successivo decreto del Ministero dell'economia e delle Finanze che non e' mai stato approvato. Al fine di garantire la copertura del mancato gettito derivante dall'esclusione dell'Irap, la normativa ha attribuito a tale fondo una dimensione economica di 188 milioni di euro nel 2014, di 252 milioni di euro nel 2015 e di altri 242 milioni nel 2016.

Risorse - prosegue Bortolussi - che, purtroppo, sono state impiegate in altre poste di spesa''.

La CGIA ricorda che negli ultimi anni in piu' di un'occasione la Corte di Cassazione ha dato ragione a quei lavoratori autonomi senza una struttura organizzativa che sono ricorsi contro l'Amministrazione finanziaria, ritenendo che il pagamento dell'Irap non fosse dovuto. Una posizione, quella tenuta dalla Corte, che conferma la necessita' di approvare quanto prima il provvedimento in oggetto.

''E' vero - conclude Bortolussi - con la legge delega sul fisco approvata recentemente dal Parlamento ha delegato il Governo ad attivare questo fondo per tagliare definitivamente l'Irap per queste attivita'. Tuttavia, si prospettano dei tempi di attuazione molto lunghi che i lavoratori autonomi non possono aspettare''.

red/mau

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Bankitalia
Bankitalia: inflazione risale a 1,3% nel 2017, rischi da salari
Bankitalia
Bankitalia: crescita prosegue, Pil 2017 a +0,9% e 2018 a +1,1%
Bankitalia
Bankitalia: disoccupazione resta elevata, calo solo graduale
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4