domenica 04 dicembre | 07:33
pubblicato il 12/mar/2014 14:28

Lavoro: Cgia, attivita' senza dipendenti fuori da vantaggi taglio cuneo

(ASCA) - Mestre, 12 mar 2014 - Alla luce delle indiscrezioni emerse nelle ultime ore sull'imminente provvedimento del Governo Renzi, pare di capire che tra i soggetti attivi del mondo del lavoro a non beneficiare di alcun vantaggio economico dalla riduzione del cuneo fiscale saranno solamente le partite Iva senza dipendenti. Lo scrive, in una nota, la Cgia di Mestre.

Infatti, sia con il taglio dell'Irpef, sia con la riduzione dell'Irap, le attivita' che non hanno dipendenti non godranno di alcun beneficio.

Si tratta, secondo la CGIA, di una platea molto vasta considerato che il 70 per cento circa dei lavoratori autonomi non ha dipendenti. Tra questi vi sono almeno 500.000 contribuenti la cui struttura e' talmente esigua da dubitare che debbano pagare l'imposta.

''Alla luce di cio' - esordisce Giuseppe Bortolussi segretario della CGIA - chiediamo di accelerare l'entrata in vigore di quel provvedimento inizialmente incluso nella Legge di Stabilita' del 2013 che prevedeva l'istituzione di un fondo finalizzato ad escludere dall'applicazione dell'Irap le imprese individuali e i liberi professionisti senza dipendenti e con una dotazione minima di beni strumentali. La soglia di questa dotazione doveva essere fissata con un successivo decreto del Ministero dell'economia e delle Finanze che non e' mai stato approvato. Al fine di garantire la copertura del mancato gettito derivante dall'esclusione dell'Irap, la normativa ha attribuito a tale fondo una dimensione economica di 188 milioni di euro nel 2014, di 252 milioni di euro nel 2015 e di altri 242 milioni nel 2016.

Risorse - prosegue Bortolussi - che, purtroppo, sono state impiegate in altre poste di spesa''.

La CGIA ricorda che negli ultimi anni in piu' di un'occasione la Corte di Cassazione ha dato ragione a quei lavoratori autonomi senza una struttura organizzativa che sono ricorsi contro l'Amministrazione finanziaria, ritenendo che il pagamento dell'Irap non fosse dovuto. Una posizione, quella tenuta dalla Corte, che conferma la necessita' di approvare quanto prima il provvedimento in oggetto.

''E' vero - conclude Bortolussi - con la legge delega sul fisco approvata recentemente dal Parlamento ha delegato il Governo ad attivare questo fondo per tagliare definitivamente l'Irap per queste attivita'. Tuttavia, si prospettano dei tempi di attuazione molto lunghi che i lavoratori autonomi non possono aspettare''.

red/mau

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Energia
Elettricità, Cgia: per piccole imprese la più cara in Eurozona
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari