domenica 11 dicembre | 15:15
pubblicato il 10/gen/2014 14:00

Lavoro: Centrella, va difeso da delocalizzazioni

(ASCA) - Roma, 10 gen 2014 - ''Il lavoro va certamente creato ma anche difeso, attraverso una seria politica di contrasto alle delocalizzazioni che da tempo stanno colpendo territori e settori, in particolare le telecomunicazioni e i call center''. Queste le considerazioni del segretario generale dell'Ugl, Giovanni Centrella, al termine dell'assemblea odierna con i lavoratori in mobilita' del call center 3G di Sulmona, ''un confronto aperto che, partendo dai problemi piu' stringenti relativi all'azienda e al settore, e' arrivato a toccare questioni nazionali, comprese le proposte lanciate dal segretario del Pd, Matteo Renzi, con il suo piano per il lavoro''.

''La globalizzazione, ben lontana dall'essere una risorsa come Renzi auspica nel suo documento, - afferma in conclusione Centrella - sta in realta' flagellando e desertificando da un punto di vista industriale e sociale tante provincie d'Italia. Per questo l'Ugl ha deciso di puntare l'attenzione su un fenomeno, le delocalizzazioni appunto, sul quale non si e' creato un adeguato dibattito a livello nazionale, politico e istituzionale''.

com-sen/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Petrolio
Scatta la prima stretta globale all'offerta di petrolio da 15 anni
Brexit
Dijsselbloem dice che dalla Brexit non nascerà una nuova "City" Ue
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Le tecnologie spaziali che aiutano la sostenibilità
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina