domenica 11 dicembre | 01:42
pubblicato il 29/set/2014 14:33

*Lavoro, Camusso: sono ottimista, non c'e' divisione tra sindacati

"Abbiamo deciso di continuare a discutere" (ASCA) - Roma, 29 set 2014 - "Una notizia di divisione tra i sindacati non c'e', non c'e' nessuna divisione ma c'e' un lavoro che stiamo facendo insieme". Lo ha detto il leader della Cgil, Susanna Camusso, al termine dell'incontro con i numeri uno di Cisl e Uil, Raffaele Bonanni e Luigi Angeletti, che aveva l'obiettivo di trovare forme di mobilitazione comune a difesa dell'articolo 18.

"E' stata una discussione molto utile e molto interessante", ha detto Camusso aggiungendo: "Abbiamo deciso di continuare a discutere anche per capire cosa vuole fare il governo".

Dunque, "e' stata una discussione di valutazione e proposta piu' che di mobilitazione. Ognuno ha deciso le proprie forme di mobilitazione e le manterra'". La Cgil sara' in piazza infatti il 25 ottobre. Infine, Camusso si e' detto "ottimista perche' c'e' una buona discussione sulla piattaforma unitaria" mentre sul resto "stiamo ragionando alla luce delle incertezze su quali saranno le scelte del governo".

Mlp/Sar

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Francia
Francia, è penuria di tartufi e i prezzi volano alle stelle
Petrolio
Scatta la prima stretta globale all'offerta di petrolio da 15 anni
Brexit
Dijsselbloem dice che dalla Brexit non nascerà una nuova "City" Ue
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Le tecnologie spaziali che aiutano la sostenibilità
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina