lunedì 05 dicembre | 11:41
pubblicato il 06/mag/2014 12:13

Lavoro: Camusso, si faccia contratto unico a tutele crescenti

(ASCA) - Rimini, 6 mag 2014 - ''Vi e' la necessita' di fermare la deriva precarizzatrice del mercato del lavoro. Per questo ribadiamo, lavoriamo sulla semplificazione, si faccia davvero un contratto unico a tutele crescenti, la mediazione giusta e positiva tra flessibilizzazione contrattata e certezze per i lavoratori''.

Lo ha detto Susanna Camusso, segretario della Cgil, nella relazione di apertura del Congresso di Rimini. ''Insieme al contratto unico - ha aggiunto la Camusso - altre 3 forme: il contratto a termine causale, per stagionalita' e sostituzioni, la somministrazione e l'apprendistato. Altre forme vanno ricondotte, qualora necessario, al lavoro veramente autonomo di cui vanno definiti i diritti universali, in questo senso va letto molto positivamente che si cominci dalle norme di tutela universale della maternita'.

E completezza - ha concluso - vorrebbe che fosse l'occasione per l'abolizione della Bossi-Fini e la costruzione di una legge positiva sugli ingressi e sulle regole''.

afe/cam/bra

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Cambi
Cambi, euro in calo sul dollaro ai minimi da 21 mesi
Titoli di Stato
Il rendimento del Btp 10 anni torna sopra il 2%
Pil
Pil, Istat: verso stabilizzazione ritmo di crescita dell'economia
Casa
Ag. Entrate: mercato immobiliare in rialzo, nel III trim. +17,8%
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari