domenica 04 dicembre | 19:44
pubblicato il 19/dic/2011 08:26

Lavoro/ Camusso a Fornero: Art. 18 non è totem, ma norma civiltà

"Sulle pensioni intervento folle del Governo"

Lavoro/ Camusso a Fornero: Art. 18 non è totem, ma norma civiltà

Roma, 19 dic. (askanews) - L'articolo 18 dello Statuto dei lavoratori "non è un totem, ma una norma di civiltà". Così il leader della Cgil, Susanna Camusso, replica al ministro del Welfare, Elsa Fornero. In un'intervista al 'Corriere della Sera', Camusso lancia una "sfida: facciamo costare il lavoro precario di più di quello a tempo indeterminato e scommettiamo che nessuno più dirà che il problema è l'articolo 18?". Sul contratto unico "sarebbe un nuovo apartheid a danno dei giovani - continua - se facciamo un'analisi della realtà vediamo che la precarietà c'è soprattutto dove non si applica l'articolo 18, nelle piccole aziende. Quindi tutta questa discussione è fondata su un presupposto falso". Camusso ribadisce poi le critiche al Governo sulla manovra. Sulle pensioni, dice, c'è stato un "intervento folle" e "c'è una straordinaria sottovalutazione e una supponenza impressionante da parte del Governo nel non capire le conseguenze di questa riforma, che rappresenta un intervento brutale sui prossimi 6-7 anni per tante persone che non potranno accedere alla pensione e non avranno un sussidio. C'è un livello di aggressione nei confronti dei lavoratori".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari