domenica 11 dicembre | 03:18
pubblicato il 29/nov/2012 21:58

Lavoro/ Camusso: 2013 sarà ancora più pesante del 2012

"Da dati Istat conferma effetto recessivo molto profondo"

Roma, 30 nov. (askanews) - "Sul piano dell'occupazione il 2013 sarà un anno ancora più pesante del 2012, che è già stato l'anno più pesante in questi anni di crisi". questa la previsione del segretario generale della Cgil, Susanna Camusso, nel commentare i dati dell'Istat. "Non essendo intervenuti rispetto ai fattori che determinano le difficoltà - ha aggiunto - l'effetto è moltiplicatore". A margine di un convegno sulla maternità, Camusso ha poi osservato che i dati Istat "confermano che l'effetto recessivo delle politiche economiche è stato molto profondo. La scelta di non occuparsi né di politiche industriali da un lato né di sostegno ai redditi più deboli dall'altro ha determinato una crescente crisi di occupazione e del sistema produttivo, in cui il prezzo più alto lo si paga nel Mezzogiorno". Le scelte, o per meglio dire le mancate scelte, del Governo hanno dunque determinato per Camusso un "progressivo arretramento".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Francia
Francia, è penuria di tartufi e i prezzi volano alle stelle
Petrolio
Scatta la prima stretta globale all'offerta di petrolio da 15 anni
Brexit
Dijsselbloem dice che dalla Brexit non nascerà una nuova "City" Ue
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Le tecnologie spaziali che aiutano la sostenibilità
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina