martedì 21 febbraio | 22:21
pubblicato il 24/giu/2013 12:00

Lavoro/ Bonanni: Sì tagli spesa pubblica ma d'accordo con noi

Leader Cisl a La Stampa: in cambio, meno tasse su lavoro

Lavoro/ Bonanni: Sì tagli spesa pubblica ma d'accordo con noi

Roma, 24 giu. (askanews) - Sì ai tagli alla spesa pubblica in cambio di meno tasse sul lavoro, ma in accordo con le parti sociali. A poche ore dall'incontro con il governo, il leader della Cisl Raffaele Bonanni tende la mano all'esecutivo in una intervista a La Stampa. Il taglio della spesa pubblica va deciso "insieme a noi, perché la classe politica non tocca mai i suoi capisaldi". Al governo oggi chiederemo "segnali sul contrasto alla disoccupazione. E credo sia possibile: anche l'Europa ha accolto questa sfida. Per l'occupazione giovanile non ci sono molti soldi, per l'Italia si parla di mezzo miliardo di euro, ma è un segno. Ma l'occupazione si fa con la buona economia". La richiesta è che "i pochi soldi che ci sono vengano usati bene, e che l'azione di governo abbia caratteristiche anticicliche. Ci vogliono misure strutturali". A cominciare dalle tasse. "I consumi sono al lumicino perché la gente è stata caricata come muli. Ora, capisco l'operazione Imu e Iva, ma il problema vero è che bisogna dimezzare le tasse sui lavoratori, diminuire quelle sulle pensioni e anche diminuirle fortemente su chi investe". Secondo il leader della Cisl "la priorità è ridurre drasticamente le tasse su chi fa investimenti. E poi c'è un secondo problema: la lotta all'evasione che deve servire a finanziare quest'operazione. Non mi piace per niente la levata di scudi contro Equitalia, che - prosegue Bonanni - mi sembra testimoni la mancanza di volontà dello Stato, dei comuni e delle regioni di combattere veramente l'evasione". "Equitalia è organizzata in tutta Italia, i comuni possono dare appaltini senza nessun criterio e controllo, e con un aggio del 20%, mentre quello di Equitalia è dell'8%". Il rischio, conclude Bonanni, è che "non ci sia alcun controllo e che l'aggio sia più alto".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Taxi
Taxi, Padoan: liberalizzazione va fatta ma con transizione dolce
Moda
La moda porta a Milano 1,7 mld al mese, un terzo viene da estero
Conti pubblici
Padoan: domani procedura Ue più vicina? Direi proprio di no
Taxi
Taxi, Delrio: si lavora insieme se non ci sono violenza e minacce
Altre sezioni
Salute e Benessere
Percorso rapido per emergenze al Fatebenefratelli Roma
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Peroni Senza Glutine sul podio del World Gluten Free Beer Award
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Energia, nanosfere di silicio per finestre fotovoltaiche economiche
Moda
Il business della Moda porta a Milano 1,7 miliardi al mese
Scienza e Innovazione
Elicotteri italiani AW-139 in Pakistan, nuovo ordine per Leonardo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Il mondo in coda: strade sempre più trafficate, anche in Italia