mercoledì 18 gennaio | 21:44
pubblicato il 19/feb/2013 13:24

Lavoro: Bonanni, rinnovo contratto elettrici segnale positivo per paese

Lavoro: Bonanni, rinnovo contratto elettrici segnale positivo per paese

(ASCA) - Roma, 19 feb - ''Il nuovo contratto del settore elettrico e' davvero innovativo sul piano delle relazioni industriali e dei nuovi strumenti bilaterali e partecipativi, in linea con l'accordo del 28 giugno e con l'intesa sulla produttivita' firmata qualche mese fa dalle parti sociali''.

Lo dichiara il segretario generale della Cisl, Raffaele Bonanni. ''E' un segnale certamente positivo per il paese il rinnovo di questo contratto senza un'ora di sciopero proprio alla vigilia delle elezioni, non solo perche' portera' concreti benefici alle buste paga dei lavoratori, valorizzando ancora di piu' la contrattazione aziendale, ma soprattutto perche' dimostra ancora una volta come sia il sindacato sia le imprese fanno bene il loro mestiere, rinnovando i contratti, anche in una situazione difficile sul piano economico ed occupazionale. Speriamo che dopo questa confusa campagna elettorale, la politica ed il futuro governo facciano finalmente la propria parte, sbloccando gli investimenti nei settori dell' energia pulita, della green economy e delle infrastrutture che possono portare occupazione, sviluppo e piu' salario ai lavoratori''.

''Pur in un contesto di crisi che ha coinvolto anche il Settore Elettrico, il risultato, qualitativo e quantitativo di questo difficile rinnovo si pone in continuita' con un passato contrattuale di tutto rispetto, quale e' quello degli Elettrici'', ha aggiunto Carlo De Masi, segretario generale della FLAEI-Cisl. ''Il Contratto appena rinnovato, infatti- ha precisato De Masi- a forte connotazione cislina, mantiene un sistema di garanzie normative ed economiche, facendo propri ed attuandoli i principali accordi interconfederali sottoscritti negli ultimi anni, fortemente voluti dalla Cisl e si caratterizza come uno strumento di tutela dell'occupazione, di rilancio delle Imprese elettriche e dell'indotto, degli investimenti e del Sistema socio-economico italiano e soprattutto, va a beneficio dei lavoratori sia per il recupero salariale di I livello che per il rafforzamento del II livello, attraverso l'incremento del salario di produttivita'''.

red/did/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Alitalia
Alitalia, Hogan: da Etihad e Abu Dhabi impegno per rilancio
Davos
Padoan da Davos: in Italia stiamo continuando riforme strttturali
Fs
Fs: firmato accordo, acquisisce la società greca Trainose
Valute
Effetto Trump sul dollaro, vicino ai minimi di due mesi con yen
Altre sezioni
Salute e Benessere
"Guarda che bello", quando gli occhi dei bimbi si curano con gioia
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella: in Usa il 10% della produzione di Amarone
Turismo
Da Bookingfax una App per riportare turisti in Agenzia di viaggio
Energia e Ambiente
Leader mondiali dell'industria danno vita all'Hydrogen Council
Moda
Moda, dopo Milano Brandamour apre uno show room anche a New York
Scienza e Innovazione
"L'Ara com'era", il racconto dell'Ara Pacis diventa più immersivo
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Gb, arrivato a Londra primo treno merci proveniente dalla Cina