mercoledì 22 febbraio | 08:08
pubblicato il 02/feb/2012 13:15

Lavoro/ Angeletti lancia allarme:250mila posti a rischio nel 2012

Obiettivi posti da governo condivisibili,ma emergenza occupazione

Lavoro/ Angeletti lancia allarme:250mila posti a rischio nel 2012

Roma, 2 feb. (askanews) - Nel 2012 sono a rischio 250mila posti di lavoro. A lanciare l'allarme è il leader della Uil, Luigi Angeletti, che, in occasione dell'incontro sulla riforma del lavoro, manda un messaggio chiarissimo all'esecutivo: "gli obiettivi posti dal governo sono condivisibili e sono d'accordo con l'idea di concentrare la discussione su metodi e strumenti per raggiungere questi obiettivi. Però oggi noi abbiamo un'emergenza, nel 2012 avremo 250mila posti di lavoro in pericolo, quest'emergenza va affrontata con razionalità e urgenza". Secondo Angeletti, "per altro la riforma pensionistica ha reso ancora più problematica la gestione di quest'emergenza, non sarebbe il caso di differirne l'applicazione". E aggiunge: "ribadisco poi che il sistema degli ammortizzatori sino ad ora ha funzionato e perciò andrebbe preservato".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Taxi
Taxi, Padoan: liberalizzazione va fatta ma con transizione dolce
Moda
La moda porta a Milano 1,7 mld al mese, un terzo viene da estero
Conti pubblici
Padoan: domani procedura Ue più vicina? Direi proprio di no
Taxi
Taxi, Delrio: si lavora insieme se non ci sono violenza e minacce
Altre sezioni
Salute e Benessere
Percorso rapido per emergenze al Fatebenefratelli Roma
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Peroni Senza Glutine sul podio del World Gluten Free Beer Award
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Energia, nanosfere di silicio per finestre fotovoltaiche economiche
Moda
Il business della Moda porta a Milano 1,7 miliardi al mese
Scienza e Innovazione
Elicotteri italiani AW-139 in Pakistan, nuovo ordine per Leonardo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Il mondo in coda: strade sempre più trafficate, anche in Italia