domenica 04 dicembre | 09:28
pubblicato il 01/lug/2014 12:35

Lavoro: Angeletti, il governo deve trovare risorse per cig in deroga

(ASCA) - Torino, 1 lug 2014 - ''L'allarme e' giustificato ma non esiste nessuna alternativa al fatto che il governo trovi le risorse per pagare la cassa integrazione: sarebbe una cosa inaccettabile se molte decine di migliaia di persone fossero private anche di un minimo sostegno che serve per sopravvivere''. Cosi' il leader della Uil, Luigi Angeletti, a margine del X Congresso regionale della Uil Piemonte, sull'allarme per la mancanza di fondi per la cig in deroga.

Per Angeletti non si puo' stabilire a priori una durata della deroga in quanto deve coprire situazioni eccezionali ed emergenziali: ''Tutti gli istituti che servono a sostenere le persone che lavorano non possono avere una durata prevedibile, devono durare il tempo necessario.

Come quando piove bisogna aprire un ombrello per ripararsi dalla pioggia finche' dura il maltempo''. Su come trovare le risorse Angeletti non ha dubbi che si possano individuare nelle pieghe della spesa pubblica indipendentementedalla lotta all'evasione che rersta ''una priorita'''. ''E' assurdo - dice - affamare qualche migliaio di persone perche' non si e' capaci di trovare risorse nelle pieghe di ottocento miliardi di spesa pubblica''.

eg/cam

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Energia
Elettricità, Cgia: per piccole imprese la più cara in Eurozona
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari