martedì 17 gennaio | 18:46
pubblicato il 21/mar/2014 15:22

Lavoro: Angeletti, bene Renzi che lo crea riducendo le tasse

(ASCA) - Cernobbio, (Co), 21 mar 2014 - ''Se l'economia non va bene, i posti di lavoro non si creano. La vera politica per creare lavoro Renzi l'ha iniziata a fare riducendo le tasse''. Cosi' il segretario generale della Uil, Luigi Angeletti, esprime il proprio apprezzamento per i primi provvedimenti preannunciati dal premier Matteo Renzi. Secondo il sindacalista, intervenuto alla giornata di apertura del Forum Ambrosetti di Cernobbio, modificare l'articolo 18 e' ''assolutamente irrilevante''. A suo giudizio, infatti, ''il nostro mercato del lavoro funziona se funziona l'economia.

Quando l'economia andava non benissimo ma molto meglio di come va adesso avevamo un tasso di disoccupazione inferiore a quello della Germania''. Da Angeletti, infine, un avvertimento al premier: ''L'unica cosa che secondo me deve essere modificata e' il fatto che rinnovare per 8 volte i contratti a termine per la stessa persona nello stesso posto di lavoro ha poco senso''.

fcz/cam/bra

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Poste
Poste tutela volontariamente clienti investitori del fondo Irs
Auto
Fca, anche a dicembre vendite in Europa meglio del mercato
Turismo
Nel 2016 Roma è stata la meta italiana preferita dagli europei
Brexit
Brexit, sterlina accelera a 1,2290 dopo le parole di May
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute: nuovi Lea in arrivo. In vigore dopo pubblicazione su G.U.
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Nel 2016 consumi alimentari fuori casa +1,1%, domestici -0,1%
Turismo
Nel 2016 Roma è stata la meta italiana preferita dagli europei
Energia e Ambiente
L'Enel porta energia "verde" all'ambasciata italiana di Abu Dhabi
Moda
Moda, nasce Brandamour, nuovo polo del lusso Made in Italy
Scienza e Innovazione
Nell'Universo ci sono almeno due trilioni di galassie
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Dal 26 marzo al via i nuovi voli da Milano-Malpensa