sabato 21 gennaio | 08:07
pubblicato il 27/mag/2014 16:30

Lavoro: Alleanza Coop, job acts progetto innovativo. Tempi siano veloci

(ASCA) - Roma, 27 mag 2014 - Un ''progetto di riforma'' che contiene ''alcune innovazioni'' capaci di ''rappresentare soluzioni congrue sia sul piano delle tipologie contrattuali sia su quello delle politiche attive e passive del lavoro'', ma si raccomanda attenzione e sollecitudine rispetto ai tempi parlamentari e attuativi altrimenti si rischia di vanificare un buon progetto. Cosi' l'Alleanza delle Cooperative Italiane giudica i contenuti della Delega al Governo in materia di riforma del lavoro, intervenendo all'audizione in Commissione Lavoro al Senato, con la delegazione guidata dal coordinatore Vincenzo Mannino al seguito i responsabili relazioni sindacali Marignani (Legacoop), Valentini (Confcooperative) e Gizi (Agci).

''Si sottolinea che l'estensione e l'universalizzazione delle tutele sia sul lavoro sia sulla maternita'/genitorialita' non possono pero' essere 'a costo zero' per lo Stato e a carico unicamente delle imprese''. ''Introdurre in via sperimentale ulteriori tipologie contrattuali per favorire l'inserimento nel mondo del lavoro, con tutele crescenti per i lavoratori coinvolti, costituisce per Alleanza un'innovazione che potrebbe costituire un sostanziale contratto 'standard' a tempo indeterminato che rappresenti il principale canale d'ingresso in un mercato del lavoro orientato a promuovere la buona occupazione''.

''Il compenso orario minimo potrebbe essere una novita' utile anche per contrastare situazioni di concorrenza sleale, ma Alleanza ravvisa l'esigenza di una ben maggiore specificazione per esprimere una piu' compiuta valutazione.

La revisione dell'ambito di applicazione della cassa integrazione e dei fondi di solidarieta', qualora provochi un aumento del costo del lavoro, dovra' essere applicata con gradualita' e la necessaria flessibilita' sulle norme per cessazione di un solo ramo d'azienda ed esaurimento preventivo di tutti gli strumenti di riduzione d'orario''.

''La legge delega dovrebbe infine prevedere una strumentazione di monitoraggio degli effetti e, soprattutto, prevedere un rafforzamento dei sistemi di controllo e vigilanza. Non serve, infatti, prevedere nuove norme o rafforzare quelle esistenti, se non ci si dota di strumenti costanti ed efficaci per prevenire e contrastare forme di lavoro improprie e condizioni di concorrenza sleale, purtroppo ancora molto diffuse''.

red-glr/mau

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Alitalia
Alitalia, Messina: da tutti c'è volontà di risolvere situazione
Poste
Poste, Caio: società privatizzata ma resta missione sociale
Ue
Antonio Fazio: disoccupazione e povertà grandi mali d'Europa
Mediaset
Mediaset, P.S. Berlusconi: Vivendi? Se ne esce per vie legali
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4