domenica 04 dicembre | 07:30
pubblicato il 05/mar/2014 12:04

Lavoro: al via confronto governo-sindacati

Lavoro: al via confronto governo-sindacati

(ASCA) - Roma, 5 mar 2014 - Primi contatti, a partire da ieri, del ministro del Lavoro e delle Politiche sociali, Giuliano Poletti, con i sindacati in vista della messa a punto del Jobs act. Dopo l'incontro con i rappresentanti della Cgil guidati dal segretario generale Susanna Camusso e il direttore generale dell'Abi, Giovanni Sabatini, oggi e' stata la volta della Cisl con Raffaele Bonanni, domani tocchera' alla Uil e poi all'Ugl.

''Il governo, con il ministro del lavoro Giuliano Poletti, sta ascoltando le parti sociali - ha riferito il leader cislino -. Non ha deciso nulla se non di intervenire su un area delicata, come quella degli ammortizzatori sociali''.

Bonanni ha ricordato l'importanza della cig in deroga e ha ribadito che la Cisl e' per ''mantenerla e migliorarla'' legandola a un percorso di formazione obbligatoria. Se si rifiuta la formazione, ha detto, si dovrebbe perdere l'indennita'. Sull'estensione del sussidio di disoccupazione ai collaboratori sul quale sono uscite cifre ''taroccate'' secondo il segretario generale della Cisl e' necessario che per i nuovi eventuali utilizzatori si paghino i contributi e ''se ne facciano carico i committenti''. ''Con il ministro Poletti c'e' consuetudine di rapporti, ci si intende. Sta ascoltando - ha detto Bonanni - io ho detto che in una situazione di crisi stravolgere il sistema e' pericoloso. Il ministro ha il problema di far bastare i soldi e estendere le tutele, lo stesso problema che abbiamo noi. Ma stravolgere il sistema significa peggiorare la situazione. Spero che il Governo faccia come prima operazione la riduzione delle tasse sul lavoro dipendente e sui redditi da pensione per rilanciare i consumi. E' l'unico colpo che abbiamo''.

I temi sul tavolo sono numerosi (dalla riforma del mercato del lavoro al sussidio di disoccupazione, al taglio del cuneo fiscale fino alla questione pensioni-esodati e cassa integrazione in deroga) ma la discussione non potra' entrare nel dettaglio dato che per ora il Governo non ha ancora definito il piano e le coperture. Il tema alla base resta quello delle risorse con la necessita' di stanziamenti cospicui per ognuno dei progetti annunciati dal Governo. Solo per l'indennita' di disoccupazione si sono spesi nel 2012 13,8 miliardi e secondo le prime stime con l'entrata in vigore dell'Aspi e della mini Aspi (nel 2013) e il peggioramento della crisi economica i costi sono lievitati almeno del 30% (quindi almeno 18 miliardi per la disoccupazione nel 2013).

L'estensione di questo sussidio sia nella durata (adesso per gli under 50 si prende fino a 8 mesi) sia per la platea significa dover reperire alcuni miliardi. E l'eventuale estensione ai collaboratori pone anche problemi di costituzionalita' perche' significherebbe interessare solo una parte dei lavoratori autonomi.

Sul tavolo c'e' anche la richiesta, per la Cgil come per la Cisl e la Uil, di ridurre la pressione fiscale sul lavoro, unico modo per far ripartire i consumi e ridare fiato all'economia. Insieme, ovviamente, all'emergenza numero uno, l'occupazione in senso stretto, non nei termini, sostengono i sindacati, di ''un'ennesima'' discussione sulle regole, ma sulle possibilita' concrete di ''creare'' nuovi posti di lavoro.

red/rf

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Energia
Elettricità, Cgia: per piccole imprese la più cara in Eurozona
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari