venerdì 09 dicembre | 02:47
pubblicato il 20/mag/2013 19:03

Lavoro: al via confronto governo-parti sociali. Obiettivo 100.000 giovani assunti

Lavoro: al via confronto governo-parti sociali. Obiettivo 100.000 giovani assunti

(ASCA) - Roma, 20 mag - Archiviata, almeno parzialmente l'emergenza cig, questa settimana parte il confronto fra Governo e parti sociali sui temi del lavoro. Mercoledi' prossimo infatti Cgil, Cisl, Uil e Ugl da una parte e Confindustria, Abi, Ania, Rete Imprese Italia e Alleanza delle Cooperative italiane dall'altra, sono state convocate dal ministro Enrico Giovannini nella sede del dicastero a via Veneto. Sotto la lente, le due riforme che portano il nome di Elsa Fornero: quella del lavoro e quella delle pensioni. In particolare, il lavoro e' un tema tema resta centrale: la ''crisi angosciante e drammatica'' che vive l'Italia ''impone alle Istituzioni, alle forze sociali e alle imprese la messa in atto di efficaci soluzioni per rilanciare l'occupazione e lo sviluppo economico e sociale del Paese'', ha detto il presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, in un messaggio in occasione dell'anniversario del'uccisione di Massimo D'Antona. Ma la materia lavoro e' estremamente delicata e complessa, ha ricordato il ministro Enrico Giovanni qualche giorno fa in audizione al Senato. Bisogna stare ''molto attenti'', ha infatti affermato, a toccare una riforma del lavoro ''che sta finalmente producendo una serie di effetti voluti''. Eventuali modifiche dovranno essere ''limitate e puntuali''. Un primo obiettivo pero' il ministro lo aveva gia' identificato precedentemente: 100.000 nuovi giovani assunti. Il pacchetto pero', deve essere ''realistico'', in linea con le ''compatibilita' finanziarie''. Il lavoro del ministro dovrebbe puntare ad alleggerire alcuni vincoli per introdurre piu' flessibilita' d'ingresso, a partire da apprendistato e contratti a tempo determinato. Un percorso che sarebbe in linea con le richieste del mondo imprenditoriale ma a rischio di andare in rotta di collisione con i sindacati. Una messa a punto dello strumento dell'apprendistato potrebbe portare a sostituire con incentivi l'obbligo di stabilizzare una quota degli apprendisti in azienda imposto dalla riforma Fornero. Mentre sui contratti a tempo indeterminato si ipotizza un intervento sui tempi che devono passare tra la scadenza di un contratto e la possibilita' di rinnovarlo, e sull'obbligo per le imprese di giustificare l'esigenza di ricorrere a un contratto non a tempo indeterminato. Per cio' che riguarda il capitolo pensioni una delle prime ipotesi allo studio sarebbe quella riguardante la fascia di flessibilita' per il pensionamento anticipato rispetto all'eta' di vecchiaia, che dovrebbe essere di 3-4 anni e quindi per gli uomini potrebbe essere fissata intorno ai 62-63 anni (dal 2013 l'eta' di vecchiaia e' a 66 anni e tre mesi) con una penalizzazione ''proporzionale''. red/rf

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Bce
Draghi prolunga gli stimoli di 9 mesi e rassicura sull'Italia
Bce
Bce inchioda i tassi a zero e proroga il Qe a tutto il 2017
Bce
Draghi: non vediamo euro a rischio da incertezza politica Italia
Ambiente
Italia rischia sanzioni Ue per mancato trattamento acque reflue
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni