sabato 03 dicembre | 17:01
pubblicato il 19/mag/2014 16:59

Lavoro: Abi, nuove regole occupazione e competitivita' per banche future

(ASCA) - Roma, 19 mag 2014 - Le banche italiane affrontano la crisi: i cambiamenti nelle aree di business e nell'organizzazione delle risorse umane si rivolgono a tutte le fasce di eta', con uno sguardo particolare all'emergenza giovani e al fenomeno della globalizzazione. Questi i temi discussi a Roma al nono convegno annuale dell'Abi ''HR2014 - Banche e risorse umane'', aperto dal Direttore generale, Giovanni Sabatini, e seguito da un confronto tra esperti di banche, economisti, accademici e Parti sociali sui temi di maggiore rilievo per il mercato del lavoro e per coloro che si occupano della gestione del personale.

Dalla discussione e' emerso che le strategie relative alla gestione del personale hanno assunto un livello di piu' elevata complessita', sia per il quadro regolatorio, sia per la necessita' di adeguare le professionalita' all'evoluzione e del mercato: le riforme pensionistiche, i mutati scenari demografici e le esigenze economiche del mercato hanno modificato la vita lavorativa, ponendo le imprese di fronte a sfide inedite e ad esperienze innovative. L'azienda - sottolinea l'Abi - deve infatti gestire le diverse eta' del lavoro secondo profili professionali che cambiano: i giovani, gli anziani, le eta' di mezzo. Lo sviluppo e la ricollocazione professionale, la gestione di crisi occupazionali, le politiche attive del lavoro per i giovani, costituiscono le finalita' del cambiamento; la formazione, il coaching, la valorizzazione delle competenze, alcuni degli strumenti per favorirlo.

Particolare attenzione si impone al fenomeno della disoccupazione giovanile che ha raggiunto, specie in alcune parti dell'Eurozona, livelli mai registrati finora. Per il superamento di questo problema ABI ha siglato con il Ministero del Lavoro lo scorso 15 maggio il Protocollo sulla Garanzia Giovani, per favorire lo sviluppo dell'iniziativa anche nel settore bancario Si tratta di un obiettivo comune impegnativo e sfidante, nel quale ABI crede molto, con la certezza che gli Associati daranno il massimo sostegno possibile per il successo dell'iniziativa.

In termini di politiche attive per i giovani, le banche italiane stanno sperimentando con successo l'attivita' del Fondo per l'occupazione - alimentato con il contributo dei lavoratori - che sta sostenendo la stabilizzazione di numerosi posti di lavoro e l'avvio di una nuova occupazione: secondo i dati piu' recenti sono quasi 7000 le domande presentate da 166 banche per assunzioni a tempo indeterminato, anche con apprendistato, o stabilizzazioni di rapporti a termine. Di queste, circa 3000 domande sono state gia' accolte deliberando finanziamenti per oltre 23.000.000 di Euro.

In questo quadro si guarda con favore al jobs act. La legge e' gia' intervenuta positivamente su contratti a termine e apprendistato, ma occorre proseguire ai fini di un reale e auspicato processo di semplificazione e razionalizzazione del complesso delle norme sul lavoro, in un'ottica internazionale e di diritto comparato, sempre piu' necessaria per raggiungere obiettivi di competitivita' e per ''l'attrattivita''' del nostro sistema giuridico. I lavori del Forum saranno conclusi dal Ministro del lavoro, Giuliano Poletti.

red-glr/mau

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Mps
Mps, adesioni a conversione bond superano 1 miliardo
Ilva
Ilva, accordo con la famiglia Riva: disponibili oltre 1,3 mld
Altre sezioni
Salute e Benessere
Disturbi del sonno? 10 regole ambientali per dormire meglio
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari