lunedì 23 gennaio | 09:42
pubblicato il 22/ago/2016 15:45

Latte, contro Lactalis la rabbia degli allevatori francesi

Colosso proprietario Parmalat parla di "crisi sovrapproduzione"

Latte, contro Lactalis la rabbia degli allevatori francesi

Roma, 22 ago. (askanews) - C'è rabbia tra produttori di latte della Francia occidentale: determinati a ottenere un "prezzo equo", stanno manifestando, e continueranno per almeno una settimana, nei pressi dello stabilimento Lactalis a Laval, per convincere il leader mondiale nel settore lattiero-caseario - proprietario tra l'altro di Parmalat - accusato di essere "il peggiore contribuente" a "tornare al tavolo dei negoziati."

Organizzata su iniziativa della Federazione dipartimentale dei sindacati degli agricoltori (FDSEA, il sindacato di maggioranza) e giovani agricoltori (JA), l'evento inizia oggi avrà inizio alle 08:30 con gli allevatori che vogliono bloccare, con trattori e attrezzature agricole, la rotatoria all'ingresso della fabbrica. Gli allevatori di Bretagna, Normandia e Loira proseguiranno l'iniziativa per l'intera settimana.

Lactalis, che evidenzia una "crisi di sovrapproduzione", invita alla calma e si è detta pronta a incontrare le organizzazioni di produttori per discutere con loro dei prezzi del latte, ha assicurato su radio France Inter Nalet Michel, portavoce del gruppo.

"Il problema con Lactalis è che la quota dei salari non è nel suo DNA", ha dichiarato signor Pascal Clement, preseidente della sezione latte della Federazione Regionale francese dei sindacati agricoli (FRSEA) dell'Ovest, che ha sottolineato come a fronte dei " risultati sempre più importanti del settore lattiero-caseario, gli allevatori versino in una situazione drammatica. "Questo mese - ha aggiunto - il prezzo praticato da Lactalis è di 256 euro per tonnellata. Era di 363 euro nel mese di luglio 2014. Per Ludovic Blin, della FDSEA della regiona della Manica, il "prezzo equo" è previsto nel breve termine per essere circa 300 euro a tonnellata.

Clement avverte: "Se i nostri allevamenti francesi scompaiono, finiremo con grandi impianti per il latte come negli Stati Uniti e in Germania. Non è il modello della Francia del latte che crea ricchezza per la Francia, occorre preservarlo. I consumatori sono pienamente consapevoli. Questo ho voglia di dire a Emmanuel Besnier", presidente di Lactalis. (con fonte Afp)

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Nuove postazioni di telemedicina italiana no profit in Africa
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4