martedì 21 febbraio | 10:47
pubblicato il 08/gen/2016 14:55

Lagarde bacchetta la Cina: "Più trasparenza su cambi valutari"

Le sue decisioni si fanno sentire a livello globale

Lagarde bacchetta la Cina: "Più trasparenza su cambi valutari"

Yaoundé, Camerun, 8 gen. (askanews) - Pur con toni diplomatici, la direttrice del Fondo monetario internazionale Christine Lagarde ha di fatto manifestato perplessità sulle recenti svalutazioni operate dalla Cina. "La Cina - ha detto nel corso di una visita a in Camerun - ha avviato uno storico aggiustamento del suo modello di crescita, moderando l'attività verso livelli più sostenibili. Nondimeno, questo aggiustamento è un processo accidentato e i suoi effetti si fanno sentire a livello globale, cosa che rafforza la necessità di più chiarezza sulle politiche, specialmente sulle politiche dei cambi valutari".

Dopo aver sottoscritto lo scorso settembre, in occasione del G20 delle Finanze in Turchia, l'impegno congiunto a non effettuare svalutazione competitive (come aveva invece fatto solo poche settimane prima, nel corso di agosto), la Cina ha operato una manovra di questo genere nelle ultime sedute. (con fonte Afp)

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pensioni
Pensioni, Boeri: pensare a giovani, alcuni privilegi da rivedere
Alitalia
Alitalia, Delrio: ci sono problemi seri, siamo preoccupati
Alitalia
Alitalia, sindacati: sciopero confermato, governo convoca azienda
Conti pubblici
Padoan: da migliori previsioni no impatto su manovra correttiva
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ordini Medici: pubblicità sanitaria selvaggia è allarme sociale
Motori
BMW presenta la nuova Serie 5 berlina
Enogastronomia
Verona Fiere, Evoo Days, al via il primo forum per filiera olio
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Premio ai Vigili del fuoco per i voli su Amatrice e Rigopiano
Moda
Moda New York, la donna bon ton secondo Carolina Herrera
Scienza e Innovazione
Onde gravitazionali, inaugurato a Cascina l'Advanced Virgo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Ibar, Usa e Cina ancora al top per i voli dall'Italia