martedì 21 febbraio | 23:15
pubblicato il 19/feb/2013 18:09

La7: Fnsi, Autorita' di vigilanza chiariscano su vendita

(ASCA) - Roma, 19 feb - ''I giornalisti de La7 e la Federazione Nazionale della Stampa Italiana esprimono - in un comunicato congiunto - estrema preoccupazione e allarme per la cessione della Tv. La7 sarebbe affidata all'editore Cairo priva delle frequenze che le sono state assegnate dallo Stato, che resterebbero a Telecom, cosi' come Mtv. Uno spacchettamento anomalo, su cui - a giudizio dei giornalisti e del loro sindacato - dovranno pronunciarsi le autorita' di vigilanza. All'Agcom e all'Antitrust non puo' sfuggire che non siamo nell'ambito di una ordinaria transazione commerciale privata ma dentro un'operazione relativa a un'impresa che, per natura, identita' e ruolo nel panorama dell'informazione televisiva, e' di interesse nazionale.

Guai se qualcuno pensasse di mettere in discussione questo aspetto, le autonomie e il lavoro professionale che costituiscono le basi di un valore non solo materiale de La7! La chiarezza e' indispensabile e vanno sgombrate le nubi di una decisione maturata, nell'azienda, in una fase delicatissima per la vita del Paese e per il sistema dell'informazione. Tutto cio' proprio mentre La7 cresce negli ascolti grazie all'informazione, in gran parte prodotta dalla redazione guidata da Enrico Mentana, concretizzando la possibilita' di realizzare un terzo polo tv in grado di competere realmente con il duopolio. In gioco non ci sono solo i posti di lavoro e il futuro dell'emittente, ma il pluralismo e la liberta' di informazione''.

''La Fnsi e i giornalisti de La7, mentre si attendono segnali di chiarezza dalle Autorita' di Garanzia, seguiranno insieme gli sviluppi della vicenda - conclude la nota - con particolare attenzione e sollecitudine per la difesa di un bene di interesse nazionale, dei posto di lavoro e della loro funzione per un'informazione plurale''. com/rf

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Taxi
Taxi, Padoan: liberalizzazione va fatta ma con transizione dolce
Moda
La moda porta a Milano 1,7 mld al mese, un terzo viene da estero
Conti pubblici
Padoan: domani procedura Ue più vicina? Direi proprio di no
Taxi
Taxi, Delrio: si lavora insieme se non ci sono violenza e minacce
Altre sezioni
Salute e Benessere
Percorso rapido per emergenze al Fatebenefratelli Roma
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Peroni Senza Glutine sul podio del World Gluten Free Beer Award
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Energia, nanosfere di silicio per finestre fotovoltaiche economiche
Moda
Il business della Moda porta a Milano 1,7 miliardi al mese
Scienza e Innovazione
Elicotteri italiani AW-139 in Pakistan, nuovo ordine per Leonardo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Il mondo in coda: strade sempre più trafficate, anche in Italia