venerdì 09 dicembre | 13:37
pubblicato il 02/apr/2015 08:36

La sfida della nuova Pernigotti: qualità italiana,capitali turchi

Cosa è cambiato dopo acquisizione da parte della famiglia Toksoz

La sfida della nuova Pernigotti: qualità italiana,capitali turchi

Milano, (askanews) - Pernigotti è uno dei grandi marchi italiani che negli ultimi anni sono stati acquisiti da un gruppi stranieri. In questo caso si tratta del gruppo turco Toksoz, dal nome della famiglia già proprietaria di altre aziende del settore alimentare, che ha assunto il controllo della società nel 2013.

Qualità italiana e capitali stranieri: una ricetta che è una strada quasi obbligata per chi voglia fare business, come spiega Massimo Potenza, amministratore delegato di Pernigotti: "Oramai il mondo è globalizzato e mettere delle barriere e dei confini sia impossibile non solo fisicamente ma anche per il movimento dei capitali e delle imprese. Credo sia un problema tutto italiano chi è il proprietario di un'azienda: in Italia c'è un concetto molto legato all'individuo. Noi siamo abituati ad avere aziende in cui c'è identificazione tra azienda e individuo, nel mondo occidentale questo è sempre meno vero".

Durante l'ultimo anno, con la nuova guida turca, Pernigotti ha subito una piccola rivoluzione: il Gianduiotto, prodotto simbolo dell'azienda italiana, torna alle origini. Una strategia voluta da Ahmet e Zafer Toksoz, i due fratelli alla guida del gruppo omonimo e messa in atto dall'ad.

"Abbiamo fatto molte modifiche nella formula. Con la nuova abbiamo lanciato i prodotti sul mercato italiano lo scorso ottobre, a maggio lanceremo tutti i prodotti in Turchia" ha detto Ahmet.

"Il marchio è molto forte ma ha bisogno di essere attualizzato perchè tutti lo conoscono, ma è invecchiato. Noi stiamo cercando di riportarlo nella contemporaneità mantenendo la storia dell'azienda" ha aggiunto Potenza.

Per i fratellli Toksoz, che arrivano dal settore farmaceutico e si concentrano su ricerca e sviluppo, il punto di forza per competere in un mercato globale è la qualità del prodotto. "Abbiamo una missione: in tutti i nostri prodotti ci liberiamo degli ingredienti in cui non crediamo: non usiamo olio di palma, sciroppo di glucosio, conservanti, il nostro concept è quello degli ingredienti naturali - ha spiegato l'imprenditore - questo aumenta un po' il prezzo, lo sappiamo, ma alla fine è più semplice convincere le madri per i loro figli, i ragazzi per il loro futuro, è molto importante ora che ci sono tanti problemi cardiovascolari e di diabete. Noi applichiamo la ricerca per dare prodotti di maggiore qualità: non produrremo niente che i nostri figli non potrebbero mangiare".

Gli articoli più letti
Bce
Draghi prolunga gli stimoli di 9 mesi e rassicura sull'Italia
Bce
Bce inchioda i tassi a zero e proroga il Qe a tutto il 2017
Bce
Draghi: non vediamo euro a rischio da incertezza politica Italia
Ambiente
Italia rischia sanzioni Ue per mancato trattamento acque reflue
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
L'armonia di Umbria jazz sposa l'eccellenza dei vini di Orvieto
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina