giovedì 19 gennaio | 16:31
pubblicato il 19/ott/2016 10:09

La ripresa della Cina tiene: III trimestre +6,7%, ma rischi bolla

Secondo analisti Pechino ha spinto pagando con credito bancario

La ripresa della Cina tiene: III trimestre +6,7%, ma rischi bolla

Roma, 19 ott. (askanews) - Tutto sommato è andata meglio del previsto in Cina, sulla crescita economica del terzo trimestre. Un più 6,7 per cento su base annua, secondo i dati riferiti dall'ufficio nazionale di statistica, che ha lievemente oltrepassato le attese medie degli analisti (6,6%). In questo modo il Dragone appare in carreggiata per centrare l'obiettivo ufficiale per l'intero anno, fissato tra il 6,5 e il 7 per cento.

Tuttavia ci sono due aspetti su cui gli analisti si interrogano. Il primo è che la tenuta della crescita è stata "pagata" elargendo di fatto altri stimoli all'economia, in particolare spingendo sul credito in un contesto dove destano non poche preoccupazioni gli andamenti dei prezzi, specialmente sugli immobili.

L'altro interrogativo è sui dati stessi, da anni si sollevano dubbi sulla veridicità delle statistiche cinesi e certo non aiuta molto dipanarli il fatto che la crescita del Pil sia risultata con precisione "millimetrica" nell'intervallo previsto dall'obiettivo ufficiale.

A spingere al rialzo, il contributo del settore immobiliare, dove tuttavia i prezzi al metro quadrato in certi casi risultano aumentati del 40 per cento. "Una bolla - accusa Michel Every di Rabobank - assieme a un folle aumento dell'indebitamento". Questo ha comunque controbilanciato la frenata della crescita nell'industria, dove si è registrato un più 6,1 per cento in termini di prodotto. Pesa la debolezza della domanda, che ha causato un calo delle esportazioni del 10 per ceno.

E resta del tutto irrisolto il problema delle sovracapacità produttive cinesi, in particolare sull'acciaio, segmento in cui la Cina ha in corso un braccio di ferro co l'Europa. Tengono, infine, anche i consumi, con un più 10,7 per cento ma anche in questo caso con il consistente contributo del credito bancario.

Secondo Claire Huang, di Société Générale, è inevitabile che prima o poi le autorità debbano serrare i freni e questo si farà sentire sui dati del finale di 2017. Pechino ha solo comprato della ripresa a tempo pagandola a credito. (fonte Afp)

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Fed
Fed, Yellen vede tassi al 3% alla fine del 2019
Petrolio
Petrolio, Aie rivede al rialzo domanda mondiale, cala offerta Opec
Ilva
Ilva, Laghi: in 2016 produzione +23% con 5,8 mln tonnellate
Netflix
Netflix, record di abbonati nel 4 trimestre, anche fuori dagli Usa
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella: in Usa il 10% della produzione di Amarone
Turismo
Da Bookingfax una App per riportare turisti in Agenzia di viaggio
Energia e Ambiente
Ambientalisti italiani in piazza per Trump
Moda
Moda, dopo Milano Brandamour apre uno show room anche a New York
Scienza e Innovazione
Immunoterapia, un libro sulla quarta arma contro il cancro
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
TomTom City, la piattaforma monitora il traffico in tempo reale