domenica 22 gennaio | 22:08
pubblicato il 28/mag/2014 15:21

La recessione è finita, ma restano i rischi e le incertezze

Presentato il rapporto Istat: crisi colpisce soprattutto giovani

La recessione è finita, ma restano i rischi e le incertezze

Milano, (askanews) - Un quadro a tinte quantomeno ambigue: la recessione è finita, ma restano rischi e forti incertezze sulla situazione economica italiana. E' quanto emerge del Rapporto Istat 2014, che fotografa un Paese ancora a forte rischio stagnazione e con forti frammentazioni. Il Mezzogiorno, infatti, si allontana sempre più dalle regioni del Centro-Nord. La povertà aumenta, l'occupazione femminile cresce ma solo in settori marginali e complessivamente si contano 6,3 milioni di persone che potrebbero essere impiegate e non lo sono. Tra queste spicca e preoccupa la quantità di giovani, vere vittime principali di questa crisi che non sembra mai effettivamente finire. E a testimonianza delle difficoltà, nonostante le prospettive positive sulla crescita formale dell'economia, è significativo il dato sulle imprese che hanno migliorato occupazione e fatturato negli ultimi due anni: sono solo il 30%.

Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Nuove postazioni di telemedicina italiana no profit in Africa
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4