domenica 04 dicembre | 07:29
pubblicato il 28/mag/2014 15:21

La recessione è finita, ma restano i rischi e le incertezze

Presentato il rapporto Istat: crisi colpisce soprattutto giovani

La recessione è finita, ma restano i rischi e le incertezze

Milano, (askanews) - Un quadro a tinte quantomeno ambigue: la recessione è finita, ma restano rischi e forti incertezze sulla situazione economica italiana. E' quanto emerge del Rapporto Istat 2014, che fotografa un Paese ancora a forte rischio stagnazione e con forti frammentazioni. Il Mezzogiorno, infatti, si allontana sempre più dalle regioni del Centro-Nord. La povertà aumenta, l'occupazione femminile cresce ma solo in settori marginali e complessivamente si contano 6,3 milioni di persone che potrebbero essere impiegate e non lo sono. Tra queste spicca e preoccupa la quantità di giovani, vere vittime principali di questa crisi che non sembra mai effettivamente finire. E a testimonianza delle difficoltà, nonostante le prospettive positive sulla crescita formale dell'economia, è significativo il dato sulle imprese che hanno migliorato occupazione e fatturato negli ultimi due anni: sono solo il 30%.

Gli articoli più letti
Energia
Elettricità, Cgia: per piccole imprese la più cara in Eurozona
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari