mercoledì 22 febbraio | 19:02
pubblicato il 17/lug/2015 15:45

La Grecia non esce? E l'euro cala a 1,0861 dollari

Lieve calo dopo Bundestag, come lunedì dopo accordo leader

La Grecia non esce? E l'euro cala a 1,0861 dollari

Roma, 17 lug. (askanews) - Ancora una volta l'euro non sembra beneficiare, ma anzi si indebolisce, seppur lievemente, dopo che una serie di altri tasselli sono andati al loro posto, nell'articolato percorso che dovrebbe portare al varo di un nuovo piano di aiuti alla Grecia. Un supporto che dovrebbe evitare l'uscita ellenica proprio dalla valuta condivisa, ma a questo punto è una prospettiva che non sembra provocare rafforzamenti dell'euro.

Anzi sembra indebolirlo, come era già avvenuto lunedì scorso, dopo l'accordo dei leader dell'area valutaria per tentare la strada di un nuovo aiuto. Oggi erano chiamati ad esprimersi diversi parlamenti nazionali, tra cui soprattutto quello della Germania. E dopo il via libera del Bundestag e di un nuovo Eurogruppo, l'euro segna una lieve moderazione a 1,0861, dollari, laddove stamattina aveva fluttuato in prossimità di quota 1,09.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Mps
Mps, Pagani: ancora qualche settimana con Ue, siamo positivi
Alitalia
Alitalia, sindacati disertano tavolo Assaereo su contratto
Toshiba
Toshiba vola in Borsa (+22%) su ipotesi vendita chip
Alitalia
Alitalia, Uilt: pronti a nuovi scioperi, domani confermato
Altre sezioni
Salute e Benessere
Carnevale, allarme dermatologi: attenzione a trucchi e maschere
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
150 ettari oliveto sul mare a Menfi, prende vita progetto Planeta
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Una legge per istituire la Giornata del risparmio energetico
Moda
A Londra apre una mostra su Lady Diana, icona della moda
Scienza e Innovazione
Spazio, astronauti italiani e cinesi lavoreranno fianco a fianco
TechnoFun
La Cina leader nel mondo delle app per abbellire i selfie
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech