giovedì 08 dicembre | 21:50
pubblicato il 07/feb/2015 09:18

La fine dell'embargo americano a Cuba piace agli imprenditori Usa

Aziende della Florida pronte a investire sull'isola caraibica

La fine dell'embargo americano a Cuba piace agli imprenditori Usa

Miami (askanews) - La fine dell'embargo americano a Cuba rappresenta una possibile fonte d'investimento per tanti americani che non vedono l'ora di fare affari sull'isola caraibica. John è, senza dubbio, uno di questi. Vive in Florida dove possiede, assieme alla moglie la Naples Air, una piccola società di lavoro aereo.

La promessa di Obama, data la vicinanza di Cuba alle coste della Florida, è per lui una grande occasione per allargare il giro d'affari e dare il via a collegamenti aerei da e per l'isola.

"Sarebbe grandioso se ci riuscissimo davvero - spiega - pensate, se il volume d'affari ora è grande così, potrebbe diventare molto più grande. Stiamo parlando dell'isola più grande dei Caraibi dove vivono 11 milioni di persone, spiagge incantevoli, tempo meraviglioso".

Cuba dista solo 90 miglia dalle coste della Florida. E fanno gola a molti le possibilità di business, probite per più di 50 anni così come il turismo. Ad ora, infatti, sono solo 12 le categorie di viaggiatori americani che possono avere un visto d'ingresso, solitamente per motivi di studio, religiosi o familiari.

"Ci sono molti settori in cui imprenditori della Florida possono fare affari a Cuba, ad esempio l'edilizia, le infrastrutture, o l'agricoltura", spiega questo imprenditore americano.

"Penso che la parola chiave sia 'facilitazione' - aggiunge Jay, vice presidente di una società che trasporta a Cuba cibo e medicinali, prodotti esonerati dalle sanzioni commerciali - è bene sottolineare che, al momento, l'embargo è ancora in vigore e non credo che vedremo grandi effetti nel breve periodo. Però potremmo verificare un aumento delle transazioni commerciali man mano che la tensione si andrà allentando e tutto sarà, appunto, facilitato".

Naturalmente c'è anche chi non vede di buon occhio l'apertura di Obama verso L'Avana. Gli stessi governi sanno che dovranno superare profonde spaccature. Tuttavia il cammino verso la "normalizzazione" ormai è tracciato e molte aziende, soprattutto, americane, sono già pronte a decollare.

(Immagini Afp)

Gli articoli più letti
Bce
Bce inchioda i tassi a zero e proroga il Qe a tutto il 2017
Ambiente
Italia rischia sanzioni Ue per mancato trattamento acque reflue
Bce
Draghi: non vediamo euro a rischio da incertezza politica Italia
Bce
Draghi prolunga gli stimoli di 9 mesi e rassicura sull'Italia
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni