lunedì 05 dicembre | 04:04
pubblicato il 16/feb/2014 17:08

La falsa primavera inganna le coltivazioni: allarme Coldiretti

Febbraio: temperature a 3,8 gradi in più su medie di riferimento

La falsa primavera inganna le coltivazioni: allarme Coldiretti

Milano, (askanews) - Temperature sopra le medie stagionali, improvvisi freddi, poi lunghe pioggie: il caos climatico di questo inverno e la "finta primavera" di questi ultimi giorni sta mettendo in difficoltà l'agricoltura ingannando le coltivazioni e favorendone il "risveglio" vegetativo, rendendo cioè le piante particolarmente vulnerabili all arrivo di gelate tardive. E i danni potrebbero essero incalcolabili.E l'allerta lanciata dalla Coldiretti dopo aver evidenziato che in questo febbraio 2014 la temperatura minima registata in Italia è stata superiore di 3,8 gradi alla media di riferimento su dati Ucea.Le primaverili stanno insomma mandando in "confusione" le coltivazioni. Una situazione che rischia di aggravare il già pesante bilancio delle perdite per gli agricoltori, perdite causate dall inizio dell anno dalle pesanti precipitazioni con alluvioni, allagamenti e frane."Siamo di fronte ai drammatici effetti dei cambiamenti climatici - dicono alla Coldiretti - che si sono manifestati con il moltiplicarsi di eventi estremi, sfasamenti stagionali e precipitazioni brevi, ma intense con vere e proprie bombe d acqua, che il terreno non riesce più ad assorbire".

Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari