domenica 04 dicembre | 05:05
pubblicato il 17/mar/2014 12:00

La Crimea non spaventa le Borse, Piazza Affari balza del 2,5%

Volano A2A (+7,08%), Finmeccanica (+6,26%), Unicredit (+5,52%)

La Crimea non spaventa le Borse, Piazza Affari balza del 2,5%

Milano, 17 mar. (askanews) - Chiusura tonica per le Borse europee all'indomani del referendum in Crimea, che ha votato a larghissima maggioranza per l'annessione alla Russia. Esito già in parte scontato dai mercati, che non sembrano spaventati dal tipo di sanzioni finora adottate nei confronti di Mosca. Piazza Affari ha registrato una delle performance migliori in Europa, accelerando nel pomeriggio sulla scia dell'andamento brillante di Wall Street: l'indice principale Ftse Mib ha chiuso con un balzo del 2,52% a 20.858 punti. Tra le blue chip, sugli scudi A2A (+7,08%), Finmeccanica (+6,26%) e Unicredit (+5,52%) che ha beneficiato anche delle indiscrezioni riportate dal Financial Times secondo cui l'istituto starebbe pensando alla possibilità di cedere oppure quotare Pioneer Investments, valutata tra i 2 e i 3 miliardi. In luce anche Telecom (+3,9%) mentre si accende il risiko nel settore delle tlc europee, con Vodafone che ha rilevato l'operatore spagnolo Ono per 7,2 miliardi.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Energia
Elettricità, Cgia: per piccole imprese la più cara in Eurozona
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari