venerdì 20 gennaio | 13:01
pubblicato il 05/mar/2016 10:14

La Cina rallenta ma presenta un piano di crescita. I 10 punti

Aumenta spesa difesa. Attenzione ad ambiente ma anche nucleare

La Cina rallenta ma presenta un piano di crescita. I 10 punti

Pechino, 5 mar. (askanews) - La Cina ha tagliato le sue stime di crescita per il 2016, annunciando che il Pil si fermerà attorno al 6,5-7%, rispetto all'attuale 6,9%. Pechino ha anche annunciato che intensificherà le misure per il rilancio a scapito del deficit pubblico che quest'anno raggiungerà il 3% del Pil (contro il 2,3% del 2015). In crescita, invece, la voce di spesa per la difesa: +7,6% In questo contesto la Cina ha presentato la bozza del suo 13esimo Piano quinquennale, la strategia per lo sviluppo economico e sociale 2016-2020 che dovrà essere approvato dall'Assemblea del Popolo. Ecco i 10 punti principali.

- L'economia cinese, la seconda a livello mondiale, dovrebbe avere una crescita media del 6,5% all'anno nel periodo in questione. Il Pil salirà dai 67,7 migliaia di miliardi di yuan (10,4 migliaia di miliardi di dollari) del 2015 a più di 92,7 migliaia di miliardi di yuan nel 2020.

- Il settore dei servizi rappresenterà il 56% del Pil entro il 2020, dal 50,5% del 2015.

- Pechino punta a mantenere il totale del consumo energetico sotto l'equivalente di cinque miliardi di tonnellate di carbone entro il 2020. Nel 2015 era stato pari a 4,3 miliardi di tonnellate.

- La Cina punta a ridurre i consumi energetici e le emissioni per unità di Pil rispettivamente del 15% e del 18% entro il 2020 rispetto ai livelli del 2015.

- La qualità dell'aria nelle città dovrà raggiungere livelli da "buono" in su almeno per l'80% dell'anno entro il 2020, rispetto al 76,7 del 2015.

- Pechino intende aumentare la sua capacità di produzione di energia da fonti nucleari raggiungendo 58 gigawatt di potenza installata entro il 2020. Attualmente sono in costruzione circa 26.7 gigawatt.

- Il governo cinese vuole costruire nuove tratte ferroviarie ad alta velocità, passando dagli attuali 19 mila chilometri a circa 30 mila chilometri nel 2020. Inoltre intende costruire altri 50 aeroporti civili.

- Aumentare la crescita del reddito pro capite del 6,5% all'anno e oltre. Nel 2015 la crescita è stata del 7,4%.

- Creare 50 milioni di posti di lavoro nelle aree urbane in cinque anni.

- Raggiungere il 60% dei residenti urbani permanenti sul totale della popolazione cinese (attualmente la percentuale è al 56,1%). La percentuale di persone con l'"hukou" (il sistema di certificazione di residenza della Repubblica Popolare Cinese) raggiungerà il 45% della popolazione.

(fonte Afp)

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Poste
Poste, Caio: società privatizzata ma resta missione sociale
Bce
Bce conferma a zero principale tasso di interesse dell'area euro
Ibm
Ibm archivia il 19esimo trimestre di fila con ricavi in calo
Ue
Antonio Fazio: disoccupazione e povertà grandi mali d'Europa
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella: in Usa il 10% della produzione di Amarone
Turismo
Da Bookingfax una App per riportare turisti in Agenzia di viaggio
Energia e Ambiente
Ambientalisti italiani in piazza per Trump
Moda
Moda, dopo Milano Brandamour apre uno show room anche a New York
Scienza e Innovazione
Our Place in Space, in mostra l'Universo nelle immagini di Hubble
TechnoFun
A Unidata gara per frequenze reti radio a larga banda
Sistema Trasporti
TomTom City, la piattaforma monitora il traffico in tempo reale