sabato 21 gennaio | 16:28
pubblicato il 24/ago/2015 17:35

La Cina manda a picco Piazza Affari, -5,96% in chiusura

Ftse Mib era arrivato a perdere oltre il 7%, minimo a 20.158 punti

La Cina manda a picco Piazza Affari, -5,96% in chiusura

Milano, 24 ago. (askanews) - Un lunedì da dimenticare per Piazza Affari che, sulla scia del tracollo della Borsa di Shanghai e sui timori di una brusca e duratura frenata dell'economia cinese, ha chiuso in profondo rosso, seppur cercando sul finale di arginare il crollo senza fine che si era materializzato nel primo pomeriggio. L'indice principale Ftse Mib ha lasciato sul terreno il 5,96% a 20.450 punti, dopo essere arrivato a perdere fino il 7,2%, toccando un minimo intraday a 20.158 punti.

Solo tre società del paniere principale si sono salvate dalla raffica di vendite (e sospensioni): Wdf -0,2% Ansaldo Sts -0,37% e Pirelli -0,67%. Titoli su cui si attende a breve il lancio di un'Opa. Maglia nera invece, tra le blue chip, a Tenaris (-9,61%) e Eni (-7,98%).

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Alimenti
Obbligo di indicazione di origine sui latticini: ecco il vademecum
Carrefour
Carrefour annuncia 500 esuberi e i sindacati preparano scioperi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4