martedì 24 gennaio | 04:36
pubblicato il 06/mag/2014 13:22

L'Ocse taglia le stime sulla ripresa italiana: nel 2014 +0,5%

Pesa l'alta disoccupazione, Paese ancora vulnerabile

L'Ocse taglia le stime sulla ripresa italiana: nel 2014 +0,5%

Milano (askanews) - La ripresa c'è, anche in Italia, ma è molto lenta e il nostro Paese resta fragile e "vulnerabile a potenziali scossoni". E' questa la fotografia che emerge dall'ultimo Economic Outlook dell'Ocse, che vede al ribasso le stime sulla crescita del Pil italiano nel 2014, previsto ora a un +0,5%. Nel 2015, secondo l'organizzazione, si arriverà a un +1,1%. La nota positiva è la dinamica, finalmente rialzista, dopo una lunga fase di contrazione, ma la disoccupazione pesa, e secondo l'Ocse gli occupati continueranno a diminuire quest'anno, per poi riprendere un trend positivo nel 2015. In questo senso arrivano anche i dati di Confartigianato che certificano che dal 2008 sono stati persi 1milione e 200mila posti di lavoro, ossia 556 ogni giorno.

Gli articoli più letti
Pensioni
Pensioni, Boeri: manovra fa aumentare debito
Commercio
Ricerca Nielsen, 87% di chi naviga in internet fa shopping online
Cambi
Protezionismo Trump riporta il dollaro ai minimi da dicembre
Bce
Draghi: collaborazione Stati invece di "richiami a cupi passati"
Altre sezioni
Salute e Benessere
Digital Magics cede partecipazione in ProfumeriaWeb a Free Bird
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Tutti a Montefalco per l'Anteprima Sagrantino
Turismo
Alla scoperta di Piacenza con Sorgentedelvino Live
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Sugli sci trainati dal drone: arriva il droneboarding
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4