martedì 06 dicembre | 15:00
pubblicato il 06/mag/2014 13:22

L'Ocse taglia le stime sulla ripresa italiana: nel 2014 +0,5%

Pesa l'alta disoccupazione, Paese ancora vulnerabile

L'Ocse taglia le stime sulla ripresa italiana: nel 2014 +0,5%

Milano (askanews) - La ripresa c'è, anche in Italia, ma è molto lenta e il nostro Paese resta fragile e "vulnerabile a potenziali scossoni". E' questa la fotografia che emerge dall'ultimo Economic Outlook dell'Ocse, che vede al ribasso le stime sulla crescita del Pil italiano nel 2014, previsto ora a un +0,5%. Nel 2015, secondo l'organizzazione, si arriverà a un +1,1%. La nota positiva è la dinamica, finalmente rialzista, dopo una lunga fase di contrazione, ma la disoccupazione pesa, e secondo l'Ocse gli occupati continueranno a diminuire quest'anno, per poi riprendere un trend positivo nel 2015. In questo senso arrivano anche i dati di Confartigianato che certificano che dal 2008 sono stati persi 1milione e 200mila posti di lavoro, ossia 556 ogni giorno.

Gli articoli più letti
Borsa
Vittoria No non spaventa la Borsa (-0,21%) ma banche vanno giù
Governo
Governo, Cgil: elezioni anticipate pericolosa fuga in avanti
Cnel
Referendum, Napoleone: popolo ha riconosciuto il ruolo del Cnel
Fs
Fs: venerdì treni regolari, revocato sciopero
Altre sezioni
Salute e Benessere
Airc finanzia ricerca per migliorare diagnosi noduli alla tiroide
Enogastronomia
Veronafiere, Cina: vino batte riso per prima volta nella storia
Turismo
Ponte Immacolata, per un italiano su due hotel è luogo dolce vita
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
AsiaHaptics 2016, Università di Siena premiata per guanto robotico
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni