martedì 06 dicembre | 13:49
pubblicato il 31/ago/2016 16:18

L'inflazione dell'Eurozona delude: Nuovo segnale "verbale" Draghi?

Governatore Banca Francia: Bce mantenga sua politica monetaria

L'inflazione dell'Eurozona delude: Nuovo segnale "verbale" Draghi?

Roma, 31 ago. (askanews) - Il dato sull'inflazione dell'Eurozona delude gli economisti. La crescita media dei prezzi al consumo pari al +0,2% su base annua registrata nel mese di agosto, invariata rispetto a luglio, si colloca nella parte bassa delle previsioni degli analisti, con alcune stime che erano arrivata anche a +0,6%. Se il dato appare influenzato dalla debolezza dei prezzi energetici l'aspetto più preoccupante è che l'inflazione di fondo, il dato cioè depurato delle componenti più volatili come energia e alimentari, nello stesso mese è addirittura calata allo 0,8% dallo 0,9% di agosto.

L'opinione prevalente tra gli analisti è che l'estensione del Quantitative Easing - il maxi programma di acquisto titoli con il quale la Bce acquista titoli per 80 miliardi al mese, e che scadrà nel marzo 2017 - sia sempre più vicina anche se, probabilmente, la riunione del consiglio direttivo programmata per giovedì 8 settembre vedrà una conferma dell'attuale politica monetaria.

Secondo Julien Lafargue di JpMorgan Private Bank i dati sull'inflazione di agosto non saranno sufficienti a far scattare un altro taglio dei tassi Bce o ad accelerare gli acquisti dei titoli, ma potrebbero far scattare un'altra tornata di "allentamento verbale" da parte del presidente Mario Draghi che non interviene pubblicamante oramai da cinque settimane. "Prevediamo - spiega l'analista riportato dal Financial Times - che la Bce dia una forte indicazione che l'attuale programma di acquisto titoli sarà esteso, probabilmente di altri sei mesi. E ciò - aggiunge Lafargue - sarebbe giustificato dal basso livello dell'inflazione ma anche dal bisogno di sostenere i mercati del debito prima di potenziali rischi sotto forma di vari referendum ed elezioni che avranno luogo nell'Eurozona nei prossimi 12 mesi" in Italia, Germania, Francia.

Che la riunione dell'8 settembre potrebbe essere troppo ravvicinata per cambiamenti nella politica monetaria lo lascia intendere anche il governatore della Banca di Francia Francois Villeroy del Galhau che, parlando oggi a un convegno a Francoforte ha sottolineato come la Bce debba seguire un atteggiamento cauto aggiungendo che strumenti come la 'helicopter money' - contanti direttamente dalle banche centrali ai consumatori - non sono appropriati. "I tassi d'interesse negativi - ha detto Villeroy, che siede anche nel consiglio della Bce - sono utili, ma sono solo uno dei molti strumenti e hanno i loro limiti. Ecco per dobbiamo restare sull'attuale politica monetaria. E sì, lo stiamo facendo in modo così sostenibile".

Gli articoli più letti
Borsa
Vittoria No non spaventa la Borsa (-0,21%) ma banche vanno giù
L.Bilancio
L.Bilancio, Dijsselbloem: ora impossibile chiedere misure extra
Governo
Governo, Cgil: elezioni anticipate pericolosa fuga in avanti
Cnel
Referendum, Napoleone: popolo ha riconosciuto il ruolo del Cnel
Altre sezioni
Salute e Benessere
Airc finanzia ricerca per migliorare diagnosi noduli alla tiroide
Enogastronomia
Mantegna contro Margherita: la pizza cambia nome e si veste d'arte
Turismo
Ponte Immacolata, per un italiano su due hotel è luogo dolce vita
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Luci di Natale: come smaltire quelle vecchie e tutelare l'ambiente
Scienza e Innovazione
AsiaHaptics 2016, Università di Siena premiata per guanto robotico
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni