domenica 22 gennaio | 21:49
pubblicato il 31/ago/2016 16:18

L'inflazione dell'Eurozona delude: Nuovo segnale "verbale" Draghi?

Governatore Banca Francia: Bce mantenga sua politica monetaria

L'inflazione dell'Eurozona delude: Nuovo segnale "verbale" Draghi?

Roma, 31 ago. (askanews) - Il dato sull'inflazione dell'Eurozona delude gli economisti. La crescita media dei prezzi al consumo pari al +0,2% su base annua registrata nel mese di agosto, invariata rispetto a luglio, si colloca nella parte bassa delle previsioni degli analisti, con alcune stime che erano arrivata anche a +0,6%. Se il dato appare influenzato dalla debolezza dei prezzi energetici l'aspetto più preoccupante è che l'inflazione di fondo, il dato cioè depurato delle componenti più volatili come energia e alimentari, nello stesso mese è addirittura calata allo 0,8% dallo 0,9% di agosto.

L'opinione prevalente tra gli analisti è che l'estensione del Quantitative Easing - il maxi programma di acquisto titoli con il quale la Bce acquista titoli per 80 miliardi al mese, e che scadrà nel marzo 2017 - sia sempre più vicina anche se, probabilmente, la riunione del consiglio direttivo programmata per giovedì 8 settembre vedrà una conferma dell'attuale politica monetaria.

Secondo Julien Lafargue di JpMorgan Private Bank i dati sull'inflazione di agosto non saranno sufficienti a far scattare un altro taglio dei tassi Bce o ad accelerare gli acquisti dei titoli, ma potrebbero far scattare un'altra tornata di "allentamento verbale" da parte del presidente Mario Draghi che non interviene pubblicamante oramai da cinque settimane. "Prevediamo - spiega l'analista riportato dal Financial Times - che la Bce dia una forte indicazione che l'attuale programma di acquisto titoli sarà esteso, probabilmente di altri sei mesi. E ciò - aggiunge Lafargue - sarebbe giustificato dal basso livello dell'inflazione ma anche dal bisogno di sostenere i mercati del debito prima di potenziali rischi sotto forma di vari referendum ed elezioni che avranno luogo nell'Eurozona nei prossimi 12 mesi" in Italia, Germania, Francia.

Che la riunione dell'8 settembre potrebbe essere troppo ravvicinata per cambiamenti nella politica monetaria lo lascia intendere anche il governatore della Banca di Francia Francois Villeroy del Galhau che, parlando oggi a un convegno a Francoforte ha sottolineato come la Bce debba seguire un atteggiamento cauto aggiungendo che strumenti come la 'helicopter money' - contanti direttamente dalle banche centrali ai consumatori - non sono appropriati. "I tassi d'interesse negativi - ha detto Villeroy, che siede anche nel consiglio della Bce - sono utili, ma sono solo uno dei molti strumenti e hanno i loro limiti. Ecco per dobbiamo restare sull'attuale politica monetaria. E sì, lo stiamo facendo in modo così sostenibile".

Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Nuove postazioni di telemedicina italiana no profit in Africa
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4