lunedì 05 dicembre | 03:33
pubblicato il 14/gen/2016 15:59

L'antifrode negli stabilimenti Renault, titolo a picco in Borsa

Casa d'auto nega di aver sistemi trucca gas. Si teme effetto VW

L'antifrode negli stabilimenti Renault, titolo a picco in Borsa

Parigi (askanews) - Gli agenti della divisione anti frode della polizia francese hanno effettuato una serie di perquisizioni in alcuni impianti produttivi della Renault. Secondo le prime informazioni, l'ipotesi investigativa è che alcuni motori diesel Renault sarebbero equipaggiati con un software che consente di eludere i controlli sulle emissioni.

La casa d'auto francese ha confermato di aver subito degli accertamenti presso i suoi stabilimenti ma al tempo stesso ha puntualizzato che i suoi veicoli non presentano meccanismi di alterazione dei gas di scarico. In Borsa il titolo del gruppo automobilistico è andato a picco per il timore che vi fosse un allargamento dello scandalo che lo scorso settembre era esploso su Volkswagen.

Con un comunicato Renault afferma che gli accertamenti in sede si inquadrano nelle analisi richieste dal ministero dell'Ambiente della Francia a seguito della vicenda Vw, aggiungendo a sua volta che le recenti analisi richieste dal ministero francese, non hanno evidenziato alcuna alterazione sulle emissioni dei suoi veicoli.

(Immagini Afp)

Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari