domenica 11 dicembre | 02:16
pubblicato il 26/gen/2015 14:14

Juncker: vedremo richieste di Tsipras, non sono troppo nervoso

"Discutevamo col governo che fu, discuteremo con quello che sarà"

Juncker: vedremo richieste di Tsipras, non sono troppo nervoso

Bruxelles, 26 gen. (askanews) - "La Commissione europea deve lavorare a stretto contatto insieme a qualunque governo" di ogni Stato membro, "ed è quello che faremo con la Grecia" dopo la vittoria di Syriza alle elezioni di ieri. Lo ha detto oggi a Bruxelles il presidente della Commissione, Jean-Claude Juncker, rispondendo ai giornalisti al su arrivo al Palazzo Justus Lipsius, per il pranzo con gli altri vertici delle istituzioni Ue, il presidente della Bce Mario Draghi, il presidente del Consiglio europeo Donald Tusk e il presidente dell'Eurogruppo Jeroen Dijsselbloem, subito prima della riunione dei ministri delle Finanze dell'Eurozona, che si svolge nel pomeriggio.

Sempre rispondendo ai giornalisti, che chiedevano se si possa rinegoziare il debito greco, come intende fare il leader di Syriza, Alexis Tsipras, il presidente della Commissione ha osservato: "Noi abbiamo delle regole, che sono state stabilite di comune accordo con le autorità greche; vedremo quali saranno le richieste del nuovo governo greco e ne discuteremo, come facciamo con tutti i governi, indipendentemente dalla sua composizione".

"La scelta degli elettori greci non dipende dalla responsabilità della Commissione europea, ma la Commissione lavorerà con qualunque governo si insedi" ad Atene, ha detto ancora il capo dell'Esecutivo Ue, e ha aggiunto: "Non sono nervoso oltremisura".

Alla domanda se abbia già avuto un contatto con Tsipras, Juncker ha risposto: "Credo che abbia altre preoccupazioni oggi che non quella di parlare con il presidente della Commissione".

In riferimento ulle posizioni del ministro delle Finanze tedesco Wolfgang Schaeuble, contrario a una nuova ristrutturazione del debito pubblico greco ma apparentemente disponibile a discuterne i termini, il presidente della Commissione ha detto: "Questa è esattamente la discussione..."

Poco dopo, sempre rispondendo ad altri cronisti, Juncker ha aggiunto: "Ho sempre amato la Grecia, e non a causa della composizione del suo governo; perché dovrei cambiare ora il mio atteggiamento favorevole verso la Grecia? Discuteremo col nuovo governo e poi vedremo". E alla più precisa domanda se sia possibile prolungare le scadenze del debito, ha concluso: "Eravamo in discussione col governo greco che fu, saremo in discussione col governo greco che sarà".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Francia
Francia, è penuria di tartufi e i prezzi volano alle stelle
Petrolio
Scatta la prima stretta globale all'offerta di petrolio da 15 anni
Brexit
Dijsselbloem dice che dalla Brexit non nascerà una nuova "City" Ue
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Le tecnologie spaziali che aiutano la sostenibilità
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina