venerdì 02 dicembre | 23:21
pubblicato il 14/ott/2014 10:53

Jobs act, Poletti contestato da Usb a sede Inps Roma

Poletti ha avuto un breve confronto privato con i lavoratori

Jobs act, Poletti contestato da Usb a sede Inps Roma

Roma, 14 ott. (askanews) - Contestazione da parte di una quindicina di lavoratori pubblici dell'Usb all'indirizzo del ministro del Lavoro, Giuliano Poletti. I rappresentanti del sindacato di base hanno interrotto il convegno per la presentazione del bilancio sociale dell'Inps, nella sede dell'Eur a Roma dell'istituto, per protestare "contro una riforma del lavoro che porta ad una precarizzazione definitiva del lavoro in questo paese".

I lavoratori dell'Usb hanno poi puntato il dito contro il mancato rinnovo del contratto degli statali: "Venti miliardi di mancato rinnovo dei contratti, è una vergogna, rinnovateci i contratti, sono cinque anni che i pubblici dipendenti stanno aspettando".

Il ministro ha ascoltato le proteste dei lavoratori e poi ha avuto un breve confronto privato con uno di loro che ripetutamente chiedeva di convocare l'Usb, "terzo sindacato in Italia", a Palazzo Chigi.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Banche
Banche: stop Consiglio Stato a riforma popolari, rinvio Consulta
Mps
Mps, adesioni a conversione bond superano 1 miliardo
Italia-Russia
Putin a Pietroburgo inaugura alta velocità, dopo visita Renzi
Eni
Eni: cessato allarme incendio nella raffineria di Sannazzaro
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari