martedì 28 febbraio | 14:17
pubblicato il 03/mar/2014 15:14

Jobs Act: Cgil, vera riforma ammortizzatori sociali

Jobs Act: Cgil, vera riforma ammortizzatori sociali

(ASCA) - Roma, 3 mar 2014 - Una ''vera riforma'' degli ammortizzatori sociali, che sia a carattere ''inclusivo e universale'', fondata su due soli istituti: uno per la tutela della disoccupazione, l'altro per la sospensione di attivita' e ore lavorate; entrambi ricollegati alle politiche attive ''di modo che il fine ultimo del sostegno al reddito sia sempre l'inclusione sociale e l'inserimento lavorativo''.

Questo in estrema sintesi il cuore della proposta che la Cgil lancia oggi, dopo le anticipazioni nell'intervista del segretario generale, Susanna Camusso, a 'La Repubblica' e, soprattutto, nelle ore calde di dibattito sul 'Jobs Act', specie per quanto riguarda il segmento di riforma degli ammortizzatori sociali, allo studio del governo Renzi.

Una proposta, quella del sindacato di corso d'Italia, fondata su quattro linee d'intervento: ''semplice e sostenibile'', ''inclusiva'', ''equa'' e che ''risponda al presente al futuro''. Semplice e sostenibile, spiega la Cgil, per ''costruire un sistema che tuteli chi perde occupazione e chi e' coinvolto da crisi, totalmente pubblico e assicurativo, che non gravi sulla fiscalita' generale'', modalita' quest'ultima ''possibile estendendo la contribuzione a tutti i lavoratori e a tutte le imprese''.

Una proposta inclusiva nel senso che ''se tutti i lavoratori e tutte le imprese contribuiscono al sistema universale di ammortizzatori, si puo' estendere il sostegno al reddito anche ai precari, includendo tutte le tipologie contrattuali subordinate e parasubordinate''. Terzo punto, una proposta di riforma degli ammortizzatori sociali equa che si determina ''se tutte le imprese di qualsiasi dimensione e settore contribuiscono, in base alle specificita', ad un sistema universale, le prestazioni erogate alle stesse imprese e il carico contributivo sulle stesse sara' piu' sostenibile e solidaristico''. Infine, ultimo punto, una proposta che risponde al presente ed al futuro ''a prescindere dagli andamenti dell'economia e delle relative fluttuazioni del mercato del lavoro''. Nel dettaglio, inoltre, la Cgil sostiene come, in relazione alle novita' introdotte dalla riforma Fornero, la legge 92, ''oggi piu' che mai e' necessario correggere il sistema rivedendo l'Aspi e Mini Aspi, superando gli ammortizzatori in deroga e i fondi di solidarieta' con un modello assicurativo simile agli ammortizzatori ordinari basato sui contributi di imprese e lavoratori''. Per quanto riguarda, infine, le risorse, ''che oggi dalla fiscalita' generale vanno verso gli ammortizzatori in deroga'', queste per il sindacato guidato da Susanna Camusso ''dovrebbero sostenere la fase di avvio del nuovo sistema e il potenziamento delle risorse stanziate per le nuove politiche attive necessarie a superare la logica dell'assistenza''.

did/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Brexit
Brexit può costare cara all'Italia sul contibuto al bilancio Ue
Ue
Regioni: Lombardia la più competitiva in Italia, 143esima in Ue
Generali
Generali, Donnet: le prospettive sui conti vanno benissimo
Inflazione
L'inflazione accelera, a febbraio all'1,5% ai massimi da 4 anni
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ricerca, nanocubi per la diagnosi precoce di Alzheimer e Parkinson
Motori
La Turbo S E-Hybrid diventa modello più potente Porsche Panamera
Enogastronomia
Premio Ercole Olivario, in gara 174 etichette da 17 Regioni
Turismo
Favara: apre l'Alba Palace: quattro stelle di cultura e tradizione
Energia e Ambiente
E.ON:Per 6 italiani su 10 ideale per la casa è l'energia solare
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
SpaceX invierà due turisti spaziali attorno alla Luna a fine 2018
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech