martedì 28 febbraio | 00:12
pubblicato il 26/giu/2013 11:10

Ivass: Rossi, primi 10 gruppi assicurativi pari a tre quarti mercato

Ivass: Rossi, primi 10 gruppi assicurativi pari a tre quarti mercato

(ASCA) - Roma, 26 giu - ''Il controllo dell'Ivass si esercita in Italia su 137 imprese assicurative, molte delle quali appartengono a uno dei 33 gruppi presenti sul mercato; i primi 10 gruppi occupano tre quarti del mercato. Ai fini della tutela del consumatore, il controllo si esercita anche su circa 250.000 intermediari - agenti, mediatori e altre figure - iscritti nel Registro unico: un numero molto piu' alto di quello che si osserva negli altri paesi europei''. Lo ha rilevato Salvatore Rossi, presidente dell'Ivass nel corso dell'Assemblea annuale. La tenuta del Registro e la vigilanza su questi soggetti saranno trasferite a un organismo ad hoc con personalita' giuridica di diritto privato, che sara' a sua volta vigilato dall'Ivass, ha sottolineato Rossi.

La tenuta del Ruolo degli oltre 6.000 periti assicurativi e' stata gia' trasferita per legge alla Consap.

ram

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Alitalia
Alitalia: liquidità al limite, tagli potrebbero salire a 400 mln
Generali
Intesa SanPaolo vola in borsa dopo no a Generali: mercato approva
Ue
Regioni: Lombardia la più competitiva in Italia, 143esima in Ue
Borsa
In bilico fusione Lse-Deutsche Borse, nodo mercato titoli Stato
Altre sezioni
Salute e Benessere
Malattie rare, Scaccabarozzi: 560 farmaci in sviluppo nel mondo
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Premio Ercole Olivario, in gara 174 etichette da 17 Regioni
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
E.ON:Per 6 italiani su 10 ideale per la casa è l'energia solare
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Fisica, Masterclass: 3000 studenti alla scoperta delle particelle
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech