domenica 26 febbraio | 07:07
pubblicato il 08/giu/2013 18:35

Iva: Coldiretti, rinvio 'salva' consumi vino, gia' al minimo storico

(ASCA) - Roma, 8 giu - L'aumento dell'Iva avra' un ulteriore effetto depressivo sui consumi di vino, dopo il crollo record del 7 per cento degli acquisti familiari fatto segnare nel primo trimestre del 2013. E' quanto afferma la Coldiretti nel commentare l'i'potesi del rinvio dell'aumento a dicembre considerata plausibile dal Ministro delle infrastrutture Maurizio Lupi. Se non interverranno modifiche, l'aumento dell' imposta di valore aggiunto a luglio dal 21 al 22 per cento rischia - sottolinea la Coldiretti - di dare il colpo di grazia agli acquisti di vino sul mercato nazionale che sono scesi al minimo storico dall'Unita' d'Italia. Nello spazio di una decade, gli italiani - continua la Coldiretti - hanno detto addio ad un bicchiere di vino su quattro, tanto che i consumi nazionali sono scesi ad appena 22,6 milioni di ettolitri, rispetto ai 29 milioni di ettolitri bevuti negli Stati Uniti e ai 30,3 milioni di ettolitri della Francia che detiene il primato mondiale. L'Italia - conclude la Coldiretti - e' addirittura tallonata da vicino dalla Germania e soprattutto dalla Cina con un consumo interno di 18 milioni di ettolitri in rapida crescita (+9 per cento). com/vlm

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech