domenica 11 dicembre | 05:38
pubblicato il 26/giu/2013 16:00

Iva: Cgia Mestre, rinvio aumento costera' 2,6 mld a imprese e autonomi

(ASCA) - Roma, 26 giu - Il rinvio ad ottobre dell'aumento dell'Iva deciso dal Governo Letta ''costringera' le imprese ed i lavoratori autonomi ad anticipare all'Erario 2,6 miliardi: una vera e propria stangata''. E' questa la stima elaborata dall'Ufficio studi della CGIA di Mestre. Un importo che, secondo i calcoli realizzati dalla CGIA, copre abbondantemente lo slittamento sino a fine anno dell'aumento dell'Iva che, secondo le fonti del Governo, dovrebbe costare 2 miliardi di euro.

''Ha il sapore di una vera e propria beffa - denuncia il segretario della CGIA di Mestre Giuseppe Bortolussi - E' vero che si tratta solo di un aumento degli acconti di fine anno che sara' sottratto dai saldi che gli imprenditori pagheranno nel 2014; tuttavia, incrementare dal 99 al 100% l'acconto dell'Irpef, dal 100 al 101% quello dell'Ires e dal 100 al 110% quello dell'Irap contribuira' a peggiorare la situazione finanziaria di artigiani, commercianti, liberi professionisti e piccoli imprenditori che da tempo denunciano a gran voce di non disporre della liquidita' necessaria per mantenere in piedi l'attivita'. Con le banche che da tempo hanno chiuso i rubinetti del credito e con una crisi che non accenna ad allentare i suoi effetti recessivi, come faranno molte imprese ad affrontare la scadenza di novembre con questi aumenti ?''.

''Con oltre 810 miliardi di euro di spesa pubblica prevista nel 2013 - ricorda il segretario della CGIA - si fa fatica a spiegare agli imprenditori che non e' stato possibile trovare 2 miliardi per sterilizzare l'aumento dell'Iva, almeno sino alla fine di quest'anno''.

''Da oggi - conclude Bortolussi - scatta l'aumento dell'imposta fissa di bollo: quella da 1,81 euro sale a 2 euro e quella da 14,62 euro a 16 euro. Il gettito servira' per rifinanziare la ricostruzione nei Comuni interessati dal sisma avvenuto in Abruzzo nel 2009. Sia chiaro, la finalita' e' nobile. Tuttavia, pensare di coprire questi interventi con un taglio della spesa improduttiva sarebbe scandaloso?''.

com-fgl/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Francia
Francia, è penuria di tartufi e i prezzi volano alle stelle
Petrolio
Scatta la prima stretta globale all'offerta di petrolio da 15 anni
Brexit
Dijsselbloem dice che dalla Brexit non nascerà una nuova "City" Ue
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Le tecnologie spaziali che aiutano la sostenibilità
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina