martedì 28 febbraio | 09:20
pubblicato il 21/set/2013 11:00

Iva: Cgia, con rialzo al 22% stangata a famiglie Nordest e Bolzano

Iva: Cgia, con rialzo al 22% stangata a famiglie Nordest e Bolzano

(ASCA) - Roma, 21 set - Con l'aumento dell'Iva al 22% a pagare il conto piu' salato saranno le famiglie residenti a Bolzano e piu' in generale il Nordest, che sara' la macro area piu' ''colpita'': la stangata gli costera' mediamente 110 euro all'anno. Lo stima la Cgia.

''Se la P.a. paga immediatamente almeno 7 miliardi di debiti alle imprese e' possibile incrementare il gettito Iva di 1 miliardo entro il 2013 ed evitare l'aumento dell'imposta previsto per ottobre'', dichiara il presidente Giuseppe Borolussi.

Secondo la Cgia le famiglie residenti nella provincia autonoma di Bolzano avranno un aggravio medio annuo pari a 135 euro. Seguono quelle venete, con 113 euro, quelle emiliano-romagnole, con 111 euro e quelle lombarde, con 108 euro. Le realta' meno colpite, invece, saranno quelle del Sud: in Calabria l'aumento medio annuo per nucleo famigliare sara' di 59 euro, in Sardegna di 57 euro ed in Sicilia di 50 euro. Il dato medio nazionale si attestera' attorno agli 88 euro.

''Ovviamente - prosegue Bortolussi - a subire gli aggravi maggiori saranno le realta' territoriali dove la propensione alla spesa delle famiglie e' piu' elevata, anche se sappiamo che l'incremento dell'Iva incidera' maggiormente sui redditi famigliari piu' bassi e meno su quelli piu' elevati''.

L'aumento di un punto dell'aliquota ordinaria dell'Iva, continua la Cgia, dovrebbe garantire un maggior gettito nelle casse dello Stato pari a 4,2 miliardi di euro all'anno: 2,8 dovrebbero essere a carico delle famiglie, i rimanenti da attribuire agli Enti non commerciali, alla Pubblica Amministrazione e alle imprese (nei casi dove non sussiste la deducibilita' dell'imposta).

Tuttavia, il tema su come reperire le risorse per evitare l'aumento dell'Iva almeno per l'anno in corso rimane centrale e Bortolussi ritorna sulla proposta lanciata nei giorni scorsi: '''Se la Pubblica amministrazione erogasse immediatamente altri 7 miliardi di euro potremmo incassare un ulteriore miliardo di euro di Iva entro la fine di quest'anno che ci garantirebbe la copertura economica per finanziare il mancato aumento dell'imposta. L'ulteriore sblocco dei pagamenti darebbe un po' di ossigeno a molte aziende ancora in difficolta' e non comporterebbe nessun problema ai nostri conti pubblici, visto che inciderebbe solo sul debito pubblico e non sul deficit''.

com-rba

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Alitalia
Alitalia: liquidità al limite, tagli potrebbero salire a 400 mln
Generali
Intesa SanPaolo vola in borsa dopo no a Generali: mercato approva
Ue
Regioni: Lombardia la più competitiva in Italia, 143esima in Ue
Borsa
In bilico fusione Lse-Deutsche Borse, nodo mercato titoli Stato
Altre sezioni
Salute e Benessere
Malattie rare, Scaccabarozzi: 560 farmaci in sviluppo nel mondo
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Premio Ercole Olivario, in gara 174 etichette da 17 Regioni
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
E.ON:Per 6 italiani su 10 ideale per la casa è l'energia solare
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Fisica, Masterclass: 3000 studenti alla scoperta delle particelle
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech