domenica 04 dicembre | 21:46
pubblicato il 19/set/2013 12:00

Iva/ Baretta: c'è ancora 50% di possibilità di evitare aumento

Bisogna trovare circa 5 mld di euro

Iva/ Baretta: c'è ancora 50% di possibilità di evitare aumento

Milano, 19 set. (askanews) - Esiste ancora un 50% di possibilità di evitare l'aumento dell'Iva ad ottobre. Lo ha affermato il sottosegretario all'Economia, Pierpaolo Baretta, intervistato in diretta a "L'Economia Prima di Tutto" su Radio1 Rai. "Noi non consideriamo ancora concluso nulla perché fino all'ultimo minuto stiamo cercando di dare una risposta ma non solo all'Iva; anche alla seconda rata dell'Imu, ad un ulteriore intervento sugli ammortizzatori sociali, al rifinanziamento delle missioni all'estero. Bisogna trovare più o meno 5 miliardi di euro", ha detto Baretta. Alla domanda su quante chance ci siano ancora di riuscire a trovare le risorse per scongiurare l'aumento dell'Iva, Baretta ha risposto: "In questo momento c'è il 50% di possibilità, ma solo sei considera l'Iva in una partita complessiva. Se invece seguiamo una voce alla volta non riusciamo ad uscirne: se consideriamo assieme tutti gli impegni da qui a dicembre la discussione non può essere affrontata capitolo per capitolo ma tutta insieme; dunque qualcosa tra queste misure resterà indietro per forza: bisogna scegliere insieme ed è questo il problema che politica, maggioranza e parlamento devono affrontare".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari