lunedì 16 gennaio | 14:29
pubblicato il 27/set/2013 12:00

Iva/ Aumento slitta a gennaio ma più tasse su benzina e sigarette

Bozza: incrementano acconti Ires e Irap

Iva/ Aumento slitta a gennaio ma più tasse su benzina e sigarette

Roma, 27 set. (askanews) - L'aumento dell'aliquota Iva dal 21 al 22% previsto dal primo ottobre viene rinviato al primo gennaio. Per finanziare il rinvio, il cui costo è quantificato in 1,059 miliardi per il 2013, vengono aumentate le accise sui tabacchi (dal 17,36 al 18,03%). Più cara anche la benzina con accise più care di 20 euro per mille litri (2 centesimi di euro a litro). E' quanto prevede la bozza del decreto che dovrebbe essere esaminata questa sera dal Consiglio dei ministri. Nel provvedimento, inoltre, viene rifinanziata la Cig in deroga per il 2013 con altri 330 milioni. A copertura del provvedimento vengono anche aumentate per il 2013 le percentuali degli acconti Ires (dal 101 al 103%) e Irap (la percentuale degli acconti è in funzione della percentuale che il contrbuente utilizza ai fini delle imposte dirette).

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Alitalia
Alitalia, Calenda: no a nuova rinazionalizzazione
Fca
Fca, Calenda: Berlino si occupi di Volkswagen
Luxottica
Luxottica ed Essilor verso fusione, Luxottica vola in borsa (+13%)
Luxottica
Luxottica si unisce a Essilor, nasce leader prodotti per la vista
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute: nuovi Lea in arrivo. In vigore dopo pubblicazione su G.U.
Motori
Trump avverte Merkel su commercio: troppe Mercedes negli Usa
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella, conto alla rovescia Anteprima Amarone
Turismo
On line il sito del Fondo Astoi a tutela dei viaggiatori
Energia e Ambiente
Energia, Bellanova: Italia con Enea all'avanguardia internazionale
Moda
Milano Moda uomo, i quadri viventi di Antonio Marras
Scienza e Innovazione
Spazio, lanciato razzo di SpaceX dopo l'esplosione di settembre
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Anas: nel 2016 traffico in crescita, su tutta la rete +2,45%