giovedì 08 dicembre | 01:31
pubblicato il 04/set/2013 13:13

Iva: allarme Confcommercio per aumento a distributori caffe' da 1/1/14

(ASCA) - Roma, 4 set - ''Dal 1 gennaio 2014 aumenta l'Iva sui prodotti venduti nei distributori automatici. Per finanziare l'Ecobonus anche la pausa caffe' sara' piu' amara.

In particolare, l'aliquota passa dal 4 al 10%. E' cosi' che si aggrava la crisi. Non solo dei consumi ma anche occupazionale. Con l'inasprimento dell'imposta infatti sono a rischio centinaia di posti di lavoro se i consumi caleranno''. Lo afferma Lucio Pinetti, presidente di Confida, Associazione Italiana Distribuzione Automatica aderente a Confcommercio. ''Per questo motivo dal prossimo 9 settembre partira' una campagna per informare i consumatori attraverso un milione di adesivi che verranno affissi su tutti i distributori automatici installati in Italia. Il messaggio e' chiaro: l'aumento dell'Iva non e' una nostra decisione ma un'imposizione del Governo che, attraverso il D.L n.63 del 4/6/2013 stabilisce l'inasprimento della stessa sulle somministrazioni di alimenti e bevande attraverso i distributori automatici''. ''Sorprende - continua Pinetti - come lo Stato abbia voluto colpire 20 milioni di consumatori che, in particolare in questi anni di crisi, grazie al favorevole rapporto qualita' prezzo, nel distributore automatico, hanno finora trovato una valida soluzione di acquisto. Ma per adeguare i distributori automatici installati nei luoghi pubblici - circa un milione di macchinette - il settore del vending (30 mila addetti e piu' di mille imprese) dovra' spendere tra i 30 e i 50 milioni di euro. Inoltre, per sostituire i prezzi occorreranno dai 4 ai 5 mesi, difficile dunque essere pronti per il 1 gennaio prossimo. Come se non bastasse, se i consumi dovessero subire una flessione allora saremmo costretti a rinunciare alla prestazione di centinaia di dipendenti''.

L'incremento dell'imposta sui prodotti somministrati attraverso i distributori automatici comportera' un aumento di 5 centesimi sul caffe' e le bevande calde, e di dieci centesimi sulle bevande fredde e gli snack. com/rf

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Mps
Mps: Vigilanza Bce studia proroga fino a 31 gennaio
Banche
I 5 requisiti necessari a un eventuale "salva banche" con l'Esm
Banche
Ue multa Agricole, Hsbc e JPMorgan su cartello Euribor: 485 mln
L.Bilancio
L.Bilancio: Senato approva fiducia con 173 sì
Altre sezioni
Salute e Benessere
Robot indossabile ridà capacità di presa a persone quadriplegiche
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni