lunedì 05 dicembre | 13:35
pubblicato il 12/feb/2016 15:15

Italia-Russia, innovazione per fare business e superare la crisi

Con le sanzioni interscambio ha perso 4,7 miliardi in 10 mesi

Italia-Russia, innovazione per fare business e superare la crisi

Milano (askanews) - E' innovazione la parola chiave per le imprese italiane nei rapporti con la Russia, in un contesto economico e politico difficile a causa di sanzioni e calo del prezzo del petrolio ma dove si aprono anche nuovi scenari di business. Sono i temi del quarto seminario "Italia-Russia, l'arte dell'innovazione" organizzato a Milano dal consolato generale della Federazione russa, l'associazione Conoscere Eurasia, Roscongress e Forum economico internazionale di San Pietroburgo, in collaborazione con Intesa Sanpaolo, Banca Intesa Russia e lo studio legale Pavia e Ansaldo.

L'Italia, che gode di rapporti politici molto buoni, può giocare un ruolo chiave, come spiega Antonio Fallico, presidente di Banca Intesa Russia e di Conoscere Eurasia: "L'Italia potrebbe fare un miracolo cioè insistere a livello comunitario, prima della meccanica protrazione delle sanzioni da luglio in poi, perchè vengano eliminate".

Secondo la Direzione Studi e Ricerche di Intesa Sanpaolo nei primi 10 mesi 2015 l'interscambio italo-russo ha perso 4,7 miliardi di euro, il 20,4% rispetto al 2014. Le importazioni sono calate del 16,6%, le esportazioni del 27,5%: numeri che in tendenza portano il saldo del nostro export a chiudere il 2015 in flessione del 35% rispetto al picco di 10,8 miliardi del 2013. Ma i margini per investire in Russia restano molto ampi se si aggancia la fase di progresso tecnologico, industriale e nelle infrastrutture del Paese, dove l'innovazione vale il 7,2% del Pil e il 25% entro il 2020. L'Italia deve puntare su alcuni settori. "Il complesso dell'agroindustria che è molto importante per la Russia, dove ci sono molti investimenti diretti del governo e del business privato. Poi le infrastrutture e la tecnologia".

In Russia negli ultimi 10 anni sono nati 120 parchi tecnologici e industriali in 43 regioni e altri 37 sono in costruzione. Gli spazi dunque ci sono ma occorrono fiducia e rapporti di business improntati non più sul made in Italy ma sul made with Italy.

Gli articoli più letti
Cambi
Cambi, euro in calo sul dollaro ai minimi da 21 mesi
Titoli di Stato
Il rendimento del Btp 10 anni torna sopra il 2%
Pil
Pil, Istat: verso stabilizzazione ritmo di crescita dell'economia
Ferrero
Ferrero si 'mangia' i biscotti belgi Delacre
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari