sabato 25 febbraio | 03:44
pubblicato il 12/feb/2016 15:15

Italia-Russia, innovazione per fare business e superare la crisi

Con le sanzioni interscambio ha perso 4,7 miliardi in 10 mesi

Italia-Russia, innovazione per fare business e superare la crisi

Milano (askanews) - E' innovazione la parola chiave per le imprese italiane nei rapporti con la Russia, in un contesto economico e politico difficile a causa di sanzioni e calo del prezzo del petrolio ma dove si aprono anche nuovi scenari di business. Sono i temi del quarto seminario "Italia-Russia, l'arte dell'innovazione" organizzato a Milano dal consolato generale della Federazione russa, l'associazione Conoscere Eurasia, Roscongress e Forum economico internazionale di San Pietroburgo, in collaborazione con Intesa Sanpaolo, Banca Intesa Russia e lo studio legale Pavia e Ansaldo.

L'Italia, che gode di rapporti politici molto buoni, può giocare un ruolo chiave, come spiega Antonio Fallico, presidente di Banca Intesa Russia e di Conoscere Eurasia: "L'Italia potrebbe fare un miracolo cioè insistere a livello comunitario, prima della meccanica protrazione delle sanzioni da luglio in poi, perchè vengano eliminate".

Secondo la Direzione Studi e Ricerche di Intesa Sanpaolo nei primi 10 mesi 2015 l'interscambio italo-russo ha perso 4,7 miliardi di euro, il 20,4% rispetto al 2014. Le importazioni sono calate del 16,6%, le esportazioni del 27,5%: numeri che in tendenza portano il saldo del nostro export a chiudere il 2015 in flessione del 35% rispetto al picco di 10,8 miliardi del 2013. Ma i margini per investire in Russia restano molto ampi se si aggancia la fase di progresso tecnologico, industriale e nelle infrastrutture del Paese, dove l'innovazione vale il 7,2% del Pil e il 25% entro il 2020. L'Italia deve puntare su alcuni settori. "Il complesso dell'agroindustria che è molto importante per la Russia, dove ci sono molti investimenti diretti del governo e del business privato. Poi le infrastrutture e la tecnologia".

In Russia negli ultimi 10 anni sono nati 120 parchi tecnologici e industriali in 43 regioni e altri 37 sono in costruzione. Gli spazi dunque ci sono ma occorrono fiducia e rapporti di business improntati non più sul made in Italy ma sul made with Italy.

Gli articoli più letti
Alitalia
Alitalia, Ball: accordo con sindacati condizione imprescindibile
Banche
Rbs, in nove anni 60 mld di perdite e 45 mld di aiuti di Stato
Germania
Cina primo partner commerciale della Germania: scalzati Usa
Mediaset
Mediaset a Vivendi: esposto alla Procura fondato e documentato
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech