giovedì 08 dicembre | 02:00
pubblicato il 16/apr/2014 12:49

Italia-Polonia: Guidi incontra ministro Karpinski su energia e gas

(ASCA) - Roma, 16 apr 2014 - Lo sviluppo della cooperazione tra l'Italia e la Polonia nel settore energetico e in particolare del gas, ma anche l'impulso al dialogo che adottera' la Presidenza italiana dell'UE sulle politiche climatiche ed energetiche dal 2020 al 2030 e i temi della competitivita' dell'industria europea, sono stati gli argomenti al centro del bilaterale tra il Ministro dello Sviluppo Economico, Federica Guidi e il Ministro del Tesoro polacco, Wlodzimierz Karpinski.

Nel corso dell'incontro - si legge in una nota -, che si e' svolto oggi a Roma presso il Dicastero di via Veneto, il Ministro Guidi ha messo in risalto come il Progetto Terminale di rigassificazione di Swinoujscie rappresenti l'esempio dell'importante collaborazione italo-polacca e quanto il completamento di esso, nel piu' breve tempo possibile, sia strategico ai fini della diversificazione dell'approvvigionamento energetico non soltanto della Polonia ma dell'Europa intera.

Il ministro Guidi ha altresi' ribadito che l'Italia deve agganciarsi ai grandi mutamenti dei mercati globali del gas e alle politiche di diversificazione delle fonti, sia ai fini della sicurezza degli approvvigionamenti, sia per contenere i prezzi del gas, e proprio per questo guardare con attenzione ai risultati delle attivita' che sono state realizzate negli altri Paesi europei e specialmente in Polonia.

I rapporti economico-commerciali tra l'Italia e la Polonia, due Paesi che hanno sviluppato nell'ultimo periodo un vero partenariato strategico, sono buoni: l'Italia occupa il 5* posto come Paese fornitore (con una quota di mercato del 5,1%) ed il 6* posto come Paese Cliente (con una quota di mercato del 4,3%). L'interscambio italo-polacco nel decennio 2004-2013 ha avuto un andamento dinamico registrando una crescita dell'83%, il valore dell'interscambio e' passato da 8,7 mld di euro del 2004 a quasi 16 mld di euro del 2013, le nostre esportazioni in Polonia sono cresciute dell'82%, passando da 5,1 mld di euro del 2004 a 9,3 mld di euro del 2013 e le nostre importazioni sono aumentate dell'85%, registrando un valore di 3,5 mld di euro nel 2004 e di 6,6 mld di euro nel 2013.

red/glr

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Mps
Mps: Vigilanza Bce studia proroga fino a 31 gennaio
Banche
I 5 requisiti necessari a un eventuale "salva banche" con l'Esm
Banche
Ue multa Agricole, Hsbc e JPMorgan su cartello Euribor: 485 mln
L.Bilancio
L.Bilancio: Senato approva fiducia con 173 sì
Altre sezioni
Salute e Benessere
Robot indossabile ridà capacità di presa a persone quadriplegiche
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni