sabato 25 febbraio | 10:44
pubblicato il 04/mar/2014 12:00

Italia peggio di Cipro su innovazione, sotto media Ue e 15esima

Europa recupera su Usa e Giappone, ma si allargano gap regionali

Italia peggio di Cipro su innovazione, sotto media Ue e 15esima

Roma, 4 mar. (askanews) - Italia solo 15esima in Europa e al di sotto della media sulle capacità di innovazione. Un fattore ritenuto cruciale per favorire prosperità e sviluppo economico, e su cui in generale l'Ue sta colmando il divario che la separa da Stati Uniti e Giappone. Ma al tempo stesso, in un rapporto pubblicato oggi la Commissione europea mette in guardia dal gap che "si sta allargando" tra i paesi della stessa Unione. "In quasi un quinto delle regioni - si legge - il rendimento innovativo è peggiorato". A guidare la graduatoria sono i paesi scandinavi e la Germania, che si piazza terza alle spalle di Danimarca e Svezia (prima in Europa), quarta la Finlandia. Nella classifica sul rendimento innovativo dei paesi, come anzi detto l'Italia è 15esima, superata perfino da Cipro. La Francia è 11esima, la Gran Bretagna ottava; l'Italia però fa meglio della Spagna, che si piazza 17esima davanti al Portogallo. In questo modo il Belpaese si classifica nel penultimo gruppo di paesi, quelli in cui secondo la Commissione il rendimento dell'innovazione è al di sotto della media Ue. Fanalini di coda sono invece Bulgaria (ultima), Lettonia e Romania, con valori pesantemente inferiori alle media. Infine, oltre al gruppo di testa ci sta un altro insieme, dove si piazza la Francia e perfino Cipro (l'Italia quindi è rimasta fuori quasi per un soffio) dove la resa innovativa è vicina o leggeremnete superiore alla media. Secondo il vicepresidente della Commissione Antonio Tajani, responsabile di industria e imprenditoria "portare avanti l'innovazione rimane un elemento prioritario se vogliamo raggiungere il nostro obiettivo di far sì che entro il 2020 almeno il 20 per cento del Pil Ue sia prodotto dall'industria manifatturiera. Maggiori investimenti da parte delle imprese, una forte domanda di soluzioni innovative europee e la riduzione degli ostacoli che si frappongono all'applicazione commerciale delle innovazioni sono la chiave della crescita. Abbiamo bisogno di imprese maggiormente innovative - ha detto Tajani - e di un contesto favorevole alla crescita al fine di portare efficacemente le innovazioni sui mercati".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Alitalia
Alitalia, Ball: accordo con sindacati condizione imprescindibile
Banche
Rbs, in nove anni 60 mld di perdite e 45 mld di aiuti di Stato
Germania
Cina primo partner commerciale della Germania: scalzati Usa
Mediaset
Mediaset a Vivendi: esposto alla Procura fondato e documentato
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech