sabato 03 dicembre | 20:44
pubblicato il 03/nov/2014 14:16

Istat vede debole ripresa, da manovra nessun effetto su 2015-2016

L'uscita dalla recessione sarà lenta. Ma ripartono i consumi

Istat vede debole ripresa, da manovra nessun effetto su 2015-2016

Roma, (askanews) - Sarà lenta l'uscita dell'economia italiana dalla crisi. Il Pil, quest'anno, calerà dello 0,3%. Dopo tre anni di recessione, l'Italia tornerà a crescere solo nel 2015, ma la ripresa sarà debole. Per il 2016 è previsto un consolidamento della crescita economica a ritmi tuttavia inferiori rispetto ai più dinamici concorrenti europei ed internazionali. E' la fotografia scattata dall'Istat nelle Prospettive per l'economia italiana nel biennio 2014-2016.

Secondo l'Istituto, poi, la manovra economica messa a punto dal governo Renzi, avrà un "effetto nullo" nel biennio 2015-2016 per via della compensazione tra gli stimoli legati ad aumenti di spesa pubblica e alla riduzione della pressione fiscale e contributiva e l'effetto negativo dovuto alla clausola di salvaguardia sull'aumento automatico dell'Iva nel 2016.

Tra le note positive, la ripartenza, seppur debole, dei consumi. Dopo tre anni di riduzione, quest'anno, la spesa delle famiglie segnerà un aumento dello 0,3%. Nel 2015, si prevede un ulteriore miglioramento dei consumi privati che proseguirà anche nel 2016.

Gli articoli più letti
Energia
Elettricità, Cgia: per piccole imprese la più cara in Eurozona
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari