lunedì 23 gennaio | 18:27
pubblicato il 29/ago/2014 14:51

Istat, Ugl: disoccupazione, deflazione e pil sono macigno su governo

(ASCA) - Roma, 29 ago 2014 - ''I dati diffusi dall'Istat sono un vero e proprio macigno che si abbatte sulla politica delle enunciazioni del governo Renzi. Il premier ha l'obbligo ''morale' di convocare i rappresentanti del mondo del lavoro, nessuno escluso, per individuare subito soluzioni concrete''.

Lo dichiara il segretario generale dell'Ugl, Geremia Mancini, evidenziando come ''disoccupazione in aumento, deflazione, contrazione del Pil sono il frutto di una politica che non e' riuscita a dare una vera svolta all'economia del Paese, continuando invece a penalizzare i piu' deboli''.

''Non solo gli interventi in materia di lavoro continuano ad essere insignificanti - prosegue il leader dell'Ugl -, ma mancano ancora seri tagli ai costi della politica e delle societa' partecipate. Ci auguriamo che il decreto Sblocca Italia possa invertire la tendenza, ma per ora non vediamo risultati. La soppressione delle sole province senza toccare gli enormi e maggiori sprechi di regioni ed altri enti locali dimostra la fragilita', se non addirittura la scorrettezza, di un'operazione che sembra essere stata portata avanti dagli ultimi governi nazionali piu' per ottenere consensi in chiave elettorale che non al fine di riorganizzare davvero la governance locale nell'ottica di una maggiore trasparenza e dell'efficienza''. Per Mancini ''ancora piu' grave e' continuare a non introdurre meccanismi di ricambio generazionale che consentano ai tanti giovani italiani di portare nuova energia nel nostro sistema produttivo, sostituendo gli anziani che hanno gia' dato il loro contributo e che hanno il diritto di godere il frutto di anni di lavoro. Il pubblico impiego e la scuola sono, da questo punto di vista, casi emblematici di un Paese che resta ''bloccato' e incapace di affrontare il cambiamento''.

''Renzi crede davvero di poter dare risposte a tutte queste problematiche - conclude Mancini - con battute sui social network o incontrando a suo piacere questo o quel sindacalista? Ovviamente vogliamo ritenere che la risposta sia ''no', e che il premier si decida a promuovere l'unita' e la cooperazione per il bene del Paese''.

red/glr

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pensioni
Pensioni, Boeri: manovra fa aumentare debito
Commercio
Ricerca Nielsen, 87% di chi naviga in internet fa shopping online
Bce
Draghi: collaborazione Stati invece di "richiami a cupi passati"
Lavoro
Confindustria: dal 2014 occupazione cresce ma si ferma a metà 2016
Altre sezioni
Salute e Benessere
Digital Magics cede partecipazione in ProfumeriaWeb a Free Bird
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Tutti a Montefalco per l'Anteprima Sagrantino
Turismo
Alla scoperta di Piacenza con Sorgentedelvino Live
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Sugli sci trainati dal drone: arriva il droneboarding
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4