martedì 06 dicembre | 11:37
pubblicato il 29/ago/2014 14:51

Istat, Ugl: disoccupazione, deflazione e pil sono macigno su governo

(ASCA) - Roma, 29 ago 2014 - ''I dati diffusi dall'Istat sono un vero e proprio macigno che si abbatte sulla politica delle enunciazioni del governo Renzi. Il premier ha l'obbligo ''morale' di convocare i rappresentanti del mondo del lavoro, nessuno escluso, per individuare subito soluzioni concrete''.

Lo dichiara il segretario generale dell'Ugl, Geremia Mancini, evidenziando come ''disoccupazione in aumento, deflazione, contrazione del Pil sono il frutto di una politica che non e' riuscita a dare una vera svolta all'economia del Paese, continuando invece a penalizzare i piu' deboli''.

''Non solo gli interventi in materia di lavoro continuano ad essere insignificanti - prosegue il leader dell'Ugl -, ma mancano ancora seri tagli ai costi della politica e delle societa' partecipate. Ci auguriamo che il decreto Sblocca Italia possa invertire la tendenza, ma per ora non vediamo risultati. La soppressione delle sole province senza toccare gli enormi e maggiori sprechi di regioni ed altri enti locali dimostra la fragilita', se non addirittura la scorrettezza, di un'operazione che sembra essere stata portata avanti dagli ultimi governi nazionali piu' per ottenere consensi in chiave elettorale che non al fine di riorganizzare davvero la governance locale nell'ottica di una maggiore trasparenza e dell'efficienza''. Per Mancini ''ancora piu' grave e' continuare a non introdurre meccanismi di ricambio generazionale che consentano ai tanti giovani italiani di portare nuova energia nel nostro sistema produttivo, sostituendo gli anziani che hanno gia' dato il loro contributo e che hanno il diritto di godere il frutto di anni di lavoro. Il pubblico impiego e la scuola sono, da questo punto di vista, casi emblematici di un Paese che resta ''bloccato' e incapace di affrontare il cambiamento''.

''Renzi crede davvero di poter dare risposte a tutte queste problematiche - conclude Mancini - con battute sui social network o incontrando a suo piacere questo o quel sindacalista? Ovviamente vogliamo ritenere che la risposta sia ''no', e che il premier si decida a promuovere l'unita' e la cooperazione per il bene del Paese''.

red/glr

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Borsa
Vittoria No non spaventa la Borsa (-0,21%) ma banche vanno giù
Riforme
Referendum, i mercati puntano su nuovo governo in tempi rapidi
Fs
Antitrust: indagini su Trenitalia e Ntv per pratiche scorrette
Referendum
Referendum, Boccia: fondamentale dare risposta a crisi economica
Altre sezioni
Salute e Benessere
Diabete, arriva in Italia penna con concentrazione doppia insulina

Roma, 5 dic. (askanews) - Un'iniezione "morbida", più facile, e una penna con il doppio delle unità di insulina disponibili per ridurre il numero di device da gestire: un...

Enogastronomia
Ecco la gastro-diplomazia: mangiare bene aiuta a conquistare mondo
Turismo
Eden Travel Group, il SalvaVacanza spinge l'advance booking
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Spazio, nuovo successo per il razzo italiano Vega
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari