martedì 21 febbraio | 05:00
pubblicato il 12/feb/2016 10:18

Istat: Pil 2015 +0,6%. Nel 4° trimestre +0,1%

Istat diffonde stima preliminare. Dato grezzo +0,7%

Istat: Pil 2015 +0,6%. Nel 4° trimestre +0,1%

Roma, 12 feb. (askanews) - Il prodotto interno lordo italiano è cresciuto dello 0,6% nel 2015. Lo rende noto l'Istat che ha diffuso la sua stima preliminare. Il dato non corretto per gli effetti di calendario è pari a +0,7%.

Nel solo quarto trimestre del 2015 il prodotto interno lordo è aumentato dello 0,1% rispetto al trimestre precedente e dell'1,0% nei confronti del quarto trimestre del 2014.

Si conferma la frenata congiunturale dell'economia nazionale dopo il +0,4% del primo trimestre, il +0,3% del secondo e il +0,2% del terzo trimestre 2015.

"La variazione congiunturale - spiega l'Istat - è la sintesi di una diminuzione del valore aggiunto nel comparto dell'industria e di aumenti in quelli dell'agricoltura e dei servizi. Dal lato della domanda, vi è un contributo negativo della componente nazionale (al lordo delle scorte), più che compensato dall'apporto positivo della componente estera netta".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pensioni
Pensioni, Boeri: pensare a giovani, alcuni privilegi da rivedere
Alitalia
Alitalia, Delrio: ci sono problemi seri, siamo preoccupati
Alitalia
Alitalia, sindacati: sciopero confermato, governo convoca azienda
Conti pubblici
Padoan: da migliori previsioni no impatto su manovra correttiva
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ordini Medici: pubblicità sanitaria selvaggia è allarme sociale
Motori
BMW presenta la nuova Serie 5 berlina
Enogastronomia
Verona Fiere, Evoo Days, al via il primo forum per filiera olio
Turismo
Turismo, Alpitour amplia la rete su Andalusia e Costa del Sol
Energia e Ambiente
Premio ai Vigili del fuoco per i voli su Amatrice e Rigopiano
Moda
Moda New York, la donna bon ton secondo Carolina Herrera
Scienza e Innovazione
Onde gravitazionali, inaugurato a Cascina l'Advanced Virgo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Ibar, Usa e Cina ancora al top per i voli dall'Italia