venerdì 20 gennaio | 15:24
pubblicato il 27/ago/2014 12:24

Istat, Nomisma: serve forte azione Ue per stimolo domanda

Ultimi dati confermano che ripresa europea si e' arenata.

(ASCA) - Roma, 27 ago 2014 - ''Il nuovo calo della fiducia dei consumatori italiani (quattro punti percentuali di discesa tra maggio e agosto) aggiunge un ulteriore tassello al flusso di informazioni negative sullo stato della congiuntura europea e italiana''. Lo sottolinea Sergio de Nardis capo economista di Nomisma commentando il dato Istat sulla fiducia dei consumatori diramato oggi. ''Sono dati di clima di opinione che si riferiscono al terzo trimestre e sembrano confermare che la ripresa europea, se mai c'e' stata, si e' arenata, mentre l'Italia si muove lungo un profilo di strisciante stagnazione - spiega De Nardis -. Nel dettaglio della fiducia dei consumatori italiani, colpisce il forte calo dei giudizi sulla situazione dell'economia (10 punti di caduta tra maggio e agosto), mentre una migliore tenuta e' evidenziata da quelli relativi alla situazione personale su cui potrebbe incidere un andamento non piu' in flessione dei redditi disponibili delle famiglie''. ''Il problema - agiunge l'economista - e' che sulle decisioni di spesa, in particolare in beni durevoli, influiscono molto le valutazioni complessive sull'economia.

Se queste sono negative, sono i risparmi e non i consumi ad aumentare: una tendenza che sembra confermata dal crollo dell'opportunita' di acquisto di beni durevoli segnalata nella stessa indagine presso i consumatori (oltre 10 punti in meno rispetto a luglio, 20 in meno rispetto a maggio)''.

''Rispetto a queste evidenze - conclude De Nardis - e' molto in ritardo la presa di consapevolezza da parte dei policy maker europei. Ormai tutti gli analisti segnalano che bisogna intervenire con uno stimolo forte della domanda da realizzare in modo coordinato a livello europeo e mettendo da parte, per una fase, gli obiettivi di consolidamento fiscale.

Senza un'azione di questo tipo le prospettive restano quelle di una persistente stagnazione''.

com-sen/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Poste
Poste, Caio: società privatizzata ma resta missione sociale
Ibm
Ibm archivia il 19esimo trimestre di fila con ricavi in calo
Alitalia
Alitalia, Messina: da tutti c'è volontà di risolvere situazione
Ue
Antonio Fazio: disoccupazione e povertà grandi mali d'Europa
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda, dopo Milano Brandamour apre uno show room anche a New York
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
A Unidata gara per frequenze reti radio a larga banda
Sistema Trasporti
Delrio: "Proporrò sconti sugli abbonamenti del trasporto locale"