domenica 26 febbraio | 10:15
pubblicato il 17/dic/2013 10:14

Istat: in 2011 attive in Italia 13.527 imprese a controllo estero

Istat: in 2011 attive in Italia 13.527 imprese a controllo estero

(ASCA) - Roma, 17 dic - Nel 2011 risultano attive in Italia 13.527 imprese a controllo estero (-1,6% rispetto al 2010) che occupano circa 1,2 milioni di addetti (+1,1%). Lo rileva l'Istat, spiegando che al netto delle attivita' finanziarie e assicurative le multinazionali estere conseguono un fatturato di quasi 493 miliardi di euro (+5,3% rispetto al 2010) e un valore aggiunto complessivo di 96,6 miliardi di euro (+3,3%).

Queste imprese esportano merci per oltre 91 miliardi (+14,8% rispetto al 2010) e ne importano per un valore di quasi 155 miliardi di euro (+10,4%) (Tavola 8). Le multinazionali estere contribuiscono ai principali aggregati economici nazionali dell'industria e dei servizi con il 7,1% degli addetti, il 16,4% del fatturato, il 13,4% del valore aggiunto e il 13,4% degli investimenti. Di particolare rilevanza e', inoltre, l'apporto del capitale estero alla spesa delle imprese per ricerca e sviluppo (24,2%) e agli scambi di merci con l'estero, con quote pari al 25,3% per le esportazioni e al 44,5% per le importazioni.

red-drc/mau/bra

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Lavoro
Lavoro, Renzi: rivoluzionerò welfare con lavoro di cittadinanza
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech